USA, giornalista accusa Trump: "Mi ha stuprato nel 1996"

Donald Trump

Nei giorni in cui il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump si trova a dover gestire una nuova crisi con l'Iran dopo l'abbattimento di un drone USA, una giornalista americana ha accusato pubblicamente Trump di averla violentata nella metà degli anni '90.

E. Jean Carroll, storica firma della rivista Elle e autrice di cinque libri pubblicati tra il 1985 e il 2019, ha firmato un lungo articolo sul magazine New York in cui ha accusato Donald Trump di averla violentata nei camerini del negozio di lusso Bergdorf Goodman di New York tra l'autunno del 1995 e la primavera del 1996.

Carroll e Trump si sarebbero incontrati proprio nel negozio. I due si conoscevano di fama e in quell'occasione scambiarono qualche parola prima di finire in uno dei camerini. Lì, sostiene Carroll, Trump l'avrebbe violentata. Nessuna denuncia fu sporta all'epoca dopo che due amici di Carroll, messi al corrente dell'accaduto, le sconsigliarono di procedere per vie legali visto il potere di Trump all'epoca.

Nel lungo pezzo la giornalista - 53enne all'epoca dei fatti, Trump ne aveva compiuti da poco 50 - denuncia altri cinque uomini che avrebbero abusato di lei nel corso degli anni. L'ultimo sarebbe stato proprio Donald Trump. Dopo quel nuovo trauma, Carroll non avrebbe mai più avuto rapporti sessuali.

La replica del diretto interessato non si è fatta attendere. Trump ha smentito tutto, accusando la giornalista di essere in cerca di pubblicità:

Non ho mai incontrato questa persona. Sta cercando di vendere un libro, questo dovrebbe suggerire le sue motivazioni. Dovrebbe essere venduto nella sezione fiction. [...] Vergogna per chi inventa false storie di stupri per ottenere visibilità, promuovere un libro e portare avanti un'agenda politica.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO