Di Maio: "Manovra anticipata? Il problema è cosa ci mettiamo dentro"

di maio manovra

Luigi Di Maio ha incontrato i giornalisti a Taranto prima di presiedere in Prefettura il Tavolo del Contratto istituzionale di sviluppo. Il ministro e vicepremier del governo Conte ha subito replicato alle polemiche nate per via della convocazione dei sindacati da parte di Matteo Salvini per discutere della prossima manovra. "Sindacati e lavoratori sono di tutti, ognuno li può incontrare", sottolinea Di Maio dicendosi per nulla infastidito dalla vicenda. Piuttosto, per il leader del Movimento 5 Stelle è una questione di contenuti, perché "su questa manovra il tema non è se anticiparla o meno, ma è cosa ci mettiamo dentro".

Il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico è tornato anche a parlare della questione ArcelorMittal:

"Il problema dell'immunità penale - aggiunge Di Maio in vista del Tavolo previsto dalla legge 20 del 2015 (governo Renzi) per gestire il rilancio della città di Taranto - è risolto perché non c'è più immunità penale. Questo era il nostro obiettivo e abbiamo detto che non siamo assolutamente contro i lavoratori e ArcelorMittal. La Corte Costituzionale si sarebbe espressa sull'immunità penale probabilmente in autunno e siccome abbiamo sempre detto che su quella norma avevamo perplessità, era giusto dire che non deve esistere l'immunità penale in una situazione così complicata come quella di Taranto. Siamo al lavoro – conclude - per affrontare il tema della Cassa integrazione e chiederemo chiarimenti al tavolo sul perché debba coinvolgere 1400 lavoratori".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO