Sea Watch, l'Ue agli Stati: "Trovate una soluzione"

La vicenda della Sea Watch resta sempre attuale. Da ben 12 giorni i migranti a bordo della nave della Ong attendono di conoscere la propria destinazione. La Ong si è rivolta alla Corte Europea dei Diritti dell'Uomo chiedendo "misure provvisorie" per consentire lo sbarco. La Diocesi di Torino, invece, si è detta disponibile ad accogliere i migranti a bordo della nave.

A stretto giro è arrivato anche l'appello della Commissione Europea che "pur apprezzando il fatto che l'Italia abbia proceduto all'evacuazione di un numero di persone dalla Sea Watch 3 per ragioni mediche" ha chiesto "agli Stati membri" di trovare una soluzione "per le persone che sono rimaste a bordo".

Ad affermarlo è stata una portavoce che ha parlato di "imperativo umanitario", garantendo che la Commissione "continuerà a fare tutto il possibile, nell'ambito delle nostre competenze, per sostenere e coordinare eventuali sforzi di solidarietà".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO