Approvato il decreto crescita, ma in Senato il governo perde la maggioranza

senato dl crescita maggioranza

Il decreto crescita è finalmente legge: dopo il sì della Camera ottenuto la settimana scorsa, il dl ha avuto il via libera anche del Senato. Eppure per il governo gialloverde ci sarebbe poco da esultare. Mentre il Movimento 5 Stelle sbandiera tramite i propri canali social l’approvazione di un "un pacchetto sostanzioso di misure mirate per imprese e professionisti", probabilmente sfugge loro un dato che li dovrebbe preoccupare. Il dl crescita è infatti stato approvato con 158 voti favorevoli (tre in meno della maggioranza assoluta), 104 contrari e 15 astenuti. Insomma, la maggioranza si è sostanzialmente salvata per l’incapacità dell’opposizione di compattarsi per mettere in minoranza Lega e M5S.

Marcucci: "Governo non ha maggioranza al Senato"

Rispetto alla maggioranza che ha votato la prima fiducia a Conte, i gialloverdi hanno perso fino ad oggi 13 senatori, con il rischio di andare sotto non appena le opposizioni serreranno le proprie fila. Andrea Marcucci, presidente dei senatori del Partito Democratico intanto attacco:

"Il governo perde la maggioranza in Senato, sul Dl crescita votano si in 158, esattamente 13 in meno rispetto alla prima fiducia a Conte. L'incompetenza e l'arroganza non pagano".



Dl crescita: la soddisfazione di Conte

Subito dopo il voto di Palazzo Madama, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, si è espresso così tramite il proprio profilo Twitter:

"L'approvazione del Decreto Crescita è il segnale di un Paese che fa sistema e rilancia l’economia. Agevolazioni fiscali per le imprese, promozione degli investimenti privati, tutela del made in Italy: il Governo è con i cittadini per continuare a crescere. Insieme".


© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO