Istat, l'Italia è in declino demografico: 55 milioni di italiani

La popolazione italiana è in calo come non accadeva da quasi 90 anni. A riferirlo è l'Istat che, poche settimane dopo aver confermato il record negativo di nascite in Italia, ha ufficializzato al 31 dicembre 2018 un calo di 124 mila unità rispetto all'anno precedente.

Il trend è inarrestabile ormai dal 2015 e l'Istat parla chiaro: "La popolazione residente è in diminuzione, configurando per la prima volta negli ultimi 90 anni una fase di declino demografico".

Il calo è interamente attribuibile alla popolazione italiana, che scende al 31 dicembre 2018 a 55 milioni 104 mila unità, 235 mila in meno rispetto all’anno precedente (-0,4%). Rispetto alla stessa data del 2014 la perdita di cittadini italiani (residenti in Italia) è pari alla scomparsa di una città grande come Palermo (-677 mila).

L'Istat conferma che la popolazione italiana ha ormai perso la sua capacità di crescita per effetto della dinamica naturale, quella dovuta alla “sostituzione” di chi muore con chi nasce: "nel corso del 2018 la differenza tra nati e morti (saldo naturale) è negativa e pari a -193 mila unità".

Il rapporto integrale diffuso oggi da Istat è consultabile gratuitamente a questo indirizzo.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO