Sbarcati a Pozzallo 47 migranti. Salvini modifica decreto sicurezza schierando le navi militari


Sono sbarcati a Pozzallo poco prima delle 3.00 di stanotte i 47 migranti che erano a bordo del pattugliatore della guardia di finanza. Quasi la metà è di nazionalità tunisina. I migranti non sarebbero passati dalle "connection house" libiche, ovvero i centri di detenzione dai quali i trafficanti di esseri umani organizzano i viaggi della disperazione.

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini dopo i casi della nave Sea Watch 3 e del veliero Alex, rispettivamente di una Ong tedesca e di una italiana, ha modificato il decreto sicurezza bis schierando le navi militari "a difesa" delle acque territoriali.

Marina Militare e Guardia di Finanza dovranno monitorare le partenze e difendere i porti italiani, secondo quanto deciso dal comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza, presieduto dal ministro, "per contrastare l’immigrazione clandestina".

Salvini nelle ultime ore ha poi scritto al suo omologo tunisino spronandolo a una maggiore collaborazione: "Dobbiamo imprimere un'accelerazione al modello di cooperazione già in atto che, anche con il sostegno europeo, rafforzi le capacità di sorveglianza marittima attraverso il definitivo sviluppo di un sistema integrato basato su postazioni radar e strutture operative" si legge nella missiva indirizzata al ministro tunisino Fourati. "Sul fronte delle procedure di rimpatrio possiamo aumentare i livelli efficacia ricorrendo a navi di linea" ha aggiunto Salvini.

migranti sbarcati a pozzallo

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO