Migranti, Libia: il governo di al-Sarraj è pronto a chiudere i centri per migranti

Il Governo libico di al-Sarraj ha liberato i migranti che si trovavano rinchiusi nel centro di detenzione per migranti di Tajoura, lo stesso bombardato la scorsa settimana dall'aviazione del generale Khalifa Haftar. Nell'attacco aereo hanno perso la vita 53 persone ed altre 180 sono rimaste ferite. L'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati aveva chiesto al Governo di liberare i migranti rinchiusi nella struttura, una richiesta che è stata accolta dal ministro dell'Interno libico Fathi Bashagha.

In totale sono stati 350 i migranti liberati e per questo motivo l'Unhcr ha ringraziato il Governo di al-Sarraj, garantendo assistenza nella gestione degli stessi. In realtà, però, le cose non sono andate secondo i piani del governo libico.

Come spiegato dallo stesso ministro alla tv Libya Al Ahrar, inizialmente dovevano essere liberati solo 70 migranti. Gli altri 280 sono usciti dal centro senza autorizzazione e i funzionari non sono intervenuti per impedirglielo con la forza, nel rispetto dei diritti umani.

Bashagha ha poi inoltre ribadito che il governo sta valutando la possibilità di chiudere i centri per migranti per cercare di garantire la sicurezza degli stessi dal momento che le forze di Haftar hanno iniziato a prenderli di mira.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO