Presunti fondi russi alla Lega: "Savoini indagato per corruzione internazionale"


Gianluca Savoini, leghista e presidente dell'associazione Lombardia-Russia, è indagato dalla procura di Milano dopo il caso sollevato da Buzzfeed (ed Espresso) su presunti fondi russi alla Lega. "Io indagato? Non ho nulla da dire" ha commentato il diretto interessato secondo quanto riferisce RaiNews24. Matteo Salvini intanto smentisce categoricamente che la Lega abbia mai preso anche "un solo rublo" da Mosca e annuncia querele: "Siamo scomodi" dice il ministro dell’Interno e vicepremier.

I pm di Milano però ipotizzano a carico di Savoini l’ipotesi di reato di corruzione internazionale per il caso dei presunti finanziamenti illeciti russi al Carroccio. Le indagini della procura erano partite nei mesi scorsi dopo l’inchiesta giornalistica de l’Espresso.

L’audio di Buzzfeed che inguaia Savoini

A Savoini, 56enne ligure, ex portavoce di Salvini e fondatore dell’associazione Lombardia-Russia, è stata attribuita la voce dell'audio pubblicato da Buzzfeed su una presunta trattativa con alcuni russi per far arrivare alla Lega quasi 60 milioni di euro nell'ambito di affari legati al petrolio. Presunta trattativa che non è chiaro se sia mai andata in porto.

Quel che si sa è che la procura milanese sarebbe già in possesso da alcune settimane dei file audio relativi all'incontro che si sarebbe tenuto il 18 ottobre scorso nella hall dell'hotel Metropol di Mosca tra Savoini e altre 5 persone. L’inchiesta per corruzione internazionale è affidata al procuratore Fabio De Pasquale e ai pm Sergio Spadaro e Gaetano Ruta.

gianluca savoini

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO