Lega-Russia, Palazzo Chigi: "Savoini invitato da consigliere di Salvini". Gentiloni: "Ministro smentito, basta coprire"


Palazzo Chigi interviene con una nota ufficiale sul caso Gianluca Savoini, esponente leghista indagato per corruzione internazionale per la vicenda dei presunti finanziamenti illeciti russi al Carroccio.

"L'invito del sig. Savoini al Forum" Italia-Russia "è stato sollecitato dal sig. Claudio D'Amico, consigliere per le attività strategiche di rilievo internazionale del vicepresidente Salvini, il quale, tramite l'ufficio di vicepresidenza, ha giustificato l'invito in virtù del ruolo dell'invitato di presidente dell'Associazione Lombardia-Russia e ha chiesto ai funzionari del premier di inoltrarla agli organizzatori del Forum".

Ma siccome "continuano a pervenire alla presidenza del Consiglio richieste di informazioni sulla presenza del sig. Gianluca Savoini alla cena che si è tenuta a Roma, a Villa Madama, la sera dello scorso 4 luglio, in onore del Presidente Putin" la nota della presidenza del Consiglio precisa che l’invito a Savoini è stato "una conseguenza automatica della sua partecipazione al Forum".

Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte nei giorni scorsi aveva già detto di non conoscere Savoini, prendendone le distanze. "Come già anticipato il presidente del Consiglio non conosce personalmente il sig. Savoini. La cena è stata offerta dal presidente Conte e l’invito è stato esteso anche a tutti i partecipanti al Forum di dialogo italo-russo delle società civili, che si è tenuto il pomeriggio dello stesso giorno presso la Farnesina. Il suddetto Forum è stato organizzato dalla presidenza del Forum stesso e dall’Ispi" conclude il comunicato di Palazzo Chigi.

Gentiloni: Salvini smentito da Palazzo Chigi

Il presidente del PD Paolo Gentiloni su Twitter commenta la nota di precisazione della presidenza del Consiglio sulla presenza di Savoini al forum Italia-Russia e alla cena offerta da Conte a Putin: "Palazzo Chigi smentisce Salvini su Savoini. A questo punto non basta riferire in Parlamento. Chi dice falsità per coprire truffe e truffatori non può fare il ministro dell'Interno di un grande Paese democratico".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO