Caso Savoini, Zingaretti: "Salvini in Aula o il PD non darà tregua" | Dossier al Copasir


Il segretario del Pd Nicola Zingaretti torna all’attacco sul caso Gianluca Savoini, il leghista indagato per corruzione internazionale in merito a presunti finanziamenti russi al Carroccio. Zingaretti chiede con forza che il leader della Lega e ministro dell'Interno Matteo Salvini riferisca in parlamento sulle accuse e le ipotesi di reato sui cui lavora la procura di Milano.

"Sia chiaro che non daremo tregua a Salvini, finché non verrà in aula" dice Zingaretti. "La Procura e non la politica dovrà accertare la verità. Ma intanto il leader leghista sta raccontando solo bugie".

Per il segretario dem il ministro dell'Interno "in maniera goffa, ha preso le distanze da questo Gianluca Savoini, quasi non lo conoscesse, smentito da centinaia di foto ed eventi. Davvero credono che si possa discutere di un decreto sicurezza promosso da un ministro che dice bugie?".

Ma Zingaretti ne ha anche per Giuseppe Conte: "Se il primo ministro si illude di lavarsi le mani indicando nel suo ministro il responsabile del falso, non ha capito che si sta dando la zappa sui piedi. Le responsabilità del governo sono palesemente comuni. Il presidente Fico e la presidente Casellati come possono pensare che il Parlamento non sia informato?" dice a Repubblica.

Savoini non risponde ai pm: scelta tecnica

Salvini ha ribadito più volte in questi giorni che la Lega non ha mai preso un rublo da Mosca minacciando querele a chi accosta fantomatici soldi russi al partito. Il vicepremier ha definito Gianluca Savoini, suo ex portavoce quando era segretario federale, una "brava persona fino a prova contraria". Ieri, convocato dai pm, Savoini si è intanto avvalso della facoltà di non rispondere, scelta tecnica hanno fatto sapere poi i suoi legali che preferiscono vengano prima depositati gli atti.

Copasir apre dossier

Nel frattempo il Copasir, il comitato parlamentare di controllo e garanzia dei nostri servizi di intelligence, ha aperto un’istruttoria sul caso Savoini. Saranno auditi il direttore dell'Aise, il nostro servizio di spionaggio all'estero, audizione questa già prevista (ma sulla situazione in Libia), e il direttore dell'Aisi, cioè del controspionaggio.

nessuna tregua su savoini Nicola Zingaretti

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO