UE, Von der Leyen: "Cercherò sempre un approccio aperto e costruttivo con l'Italia"

La neo eletta presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen è già intervenuta pubblicamente sulla delicata situazione in cui si trova l'Italia coi suoi conti pubblici dopo esser riuscita per ben due volte in pochi mesi a scongiurare l'avvio della procedura di infrazione da parte della Commissione UE.

Dopo qualche settimana di trattative e tira e molla, la decisione della Commissione UE era arrivata poco più di due settimane fa, all'inizio di luglio. In quell'occasione il Commissario per gli Affari economici Pierre Moscovici ribadì che l'Europa avrebbe continuato a monitorare da vicino i conti pubblici italiani e la neo presidente è ovviamente sulla stessa lunghezza d'onda, dicendosi comunque sempre pronta a trattare col governo italiano:

La Commissione attuale ha deciso di non aprire una procedura d'infrazione eccessiva. La Commissione che presiederò monitorerà molto da vicino la situazione in Italia, così come in altri Paesi.

Von der Leyen, però, ha precisato che l'obiettivo della nuova Commissione UE sarà quello di "riuscire a investire per stimolare la crescita senza contravvenire alle regole esistenti", in Italia e negli altri Paesi UE sotto osservazione. La precisazione è stata fatta durante un'intervista a Repubblica, nel corso della quale la neo presidente ha ribadito di volersi battere per un salario minimo per tutti i Paesi UE, come l'esecutivo gialloverde e le opposizioni stanno cercando di fare in Italia ormai da mesi:

La Germania ha fatto una buona esperienza con il salario minimo negoziato attraverso la concertazione tra aziende e sindacati. Il segreto è definire bene i dettagli: se qualcuno lavora a tempo pieno dovrebbe essere almeno in grado di sostenersi finanziariamente.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO