Roma, l'Agenzia del Demanio avvia le procedure di sfratto per la sede di CasaPound

Depositata in Procura la denuncia.

Demanio denuncia CasaPound in Procura

Lo sgombero dello stabile di 58 locali, tre magazzini e due sale conferenze che si trova in via Napoleone III a Roma, nel quartiere Esquilino, alle spalle della Stazione Termini, potrebbe diventare una priorità. Infatti è stata depositata presso la Procura di Roma una denuncia da parte dell'Agenzia del Demanio, che è legata al ministero dell'Economia e si occupa della gestione e valorizzazione del patrimonio immobiliare dello Stato. Questa denuncia potrebbe segnare proprio l'avvio ufficiale delle procedure per giungere presto allo sgombero dell'edificio che vale 12 milioni di euro e che dal 27 dicembre 2003 è occupato da CasaPound.

Il movimento neofascista di Gianluca Iannone vi ha persino apposto il proprio logo, scritto con i caratteri tipicamente usati nel ventennio fascista. La sindaca di Roma Virginia Raggi ha chiesto di rimuoverlo, ma sta ancora lì. Presto, però, l'edificio potrebbe tornare a disposizione del Demanio, che ne è proprietario. La Corte dei Conti ha quantificato in 4,6 milioni di euro il danno erariale causato da questa illecita occupazione e ha chiesto che a pagare siano proprio i dirigenti di Demanio e Miur (il ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca cui lo stabile era affidato), visto che non sono riusciti a sgomberarlo. Ora il Demanio ha deciso di muoversi dopo 16 anni di occupazione.

Nell'edificio, oltre alla sede di CasaPound, ci sono una sessantina di persone che sono legate al movimento neofascista e la maggior parte di loro, come appurato dalla Corte dei Conti, non è assolutamente in uno stato di necessità. Ci sono infatti un'insegnante di un asilo comunale, un dipendente di Zètema, un impiegato del policlinico Umberto primo, un'altra di Cotral, insomma, persone che hanno lo stipendio e possono permettersi tranquillamente una casa, ma che preferiscono occupare illegalmente lo stabile, ben protetti da CasaPound.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO