Salvini ancora contro Toninelli: "Fa il ministro ai blocchi stradali"

salvini-e-toninelli-su-incidente venezia

Il vicepremier leghista Matteo Salvini continua a portare avanti la sua strategia politica, che al momento consiste anche nel sostituire almeno due ministro del governo di cui fa parte, gli ampiamente criticati Danilo Toninelli e Elisabetta Trenta. E oggi il leader della Lega è tornato all'attacco puntando proprio il dito verso uno dei due obiettivi, il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti.

Uno dei nuovi fronti di scontro tra Lega e M5S sono le grandi opere e Danilo Toninelli è collegato direttamente a quei tanti "no" che Salvini sta usando come pretesto per avere ai trasporti qualcuno della Lega, qualcuno che appoggi le sue posizioni e che faccia contenti i leghisti della prima ora, quelli ancora convinti che l'Italia vada divisa in due:

Ci sono troppe infrastrutture bloccate dal ministero dei Trasporti. Il Mit deve aiutare la gente a viaggiare e non bloccare porti, aeroporti, ferrovie, tunnel, autostrade. Il vero problema è il blocco di centinaia di opere pubbliche.

Rispondendo alle domande dei giornalisti a Firenze, Salvini ha cosi affrontato chi aveva menzionato un possibile rimpasto di governo: "Non è questione di rimpasto, se uno fa il ministro ai blocchi stradali, noi siamo al governo per sbloccare le strade, non per bloccarle.

Le parole di Salvini sono arrivate nelle stesse ore in cui Danilo Toninelli replicava ad uno dei tanti attacchi del leader della Lega, mentre il vicepremier pentastellato Luigi Di Maio continua a fare il distaccato e non prende una posizione netta, ben consapevole che farlo significherebbe far crollare il governo dopo poco più di un anno dalla sua formazione.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO