Tav e mandato zero, Morra (M5S): "Mi sembra ci sia un po' di confusione"

Nicola Morra

Il senatore del Movimento 5 Stelle Nicola Morra è uno dei primi politici pentastellati che ha espresso pubblicamente tutto il proprio disappunto sugli ultimi sviluppi legati alla Tav Torino-Lione, che ha di fatto ottenuto il supporto del governo gialloverde dopo il sì del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Il Movimento 5 Stelle si è sempre dichiarato contrario alla Tav Torino-Lione e nel corso degli anni è sempre rimasto saldo su quella posizione, promettendo a più riprese che l'opera non si sarebbe mai fatta. E invece adesso che il premier ha annunciato il sì del governo all'opera, M5S non potrà far altro che adeguarsi e mandar giù il rospo.

Questo, però, ha creato non poco malcontento tra i parlamentari di M5S che avevano già storto il naso per l'annuncio di Luigi Di Maio sul mandato zero, un modo per aggirare in alcuni casi particolari quella che fino a pochi mesi fa era un'altra regola ferrea del Movimento 5 Stelle, la regola dei due mandati. E così, in una diretta Facebook, Marra ha criticato questi tradimenti degli ideali del MoVimento:

Noi siamo il M5S e dobbiamo ragionare con la nostra testa. Dapprima sul mandato zero e poi sulla questione Tav, a me sembra ci sia un po' di confusione. L'importante sono i valori e non le regole che discendono dai valori.

Senza valori, ha spiegato Marra nel suo lungo sfogo, "siamo privi di identità":

Noi siamo nati dicendo che il Tav non si sarebbe dovuto fare. Il Tav in Val di Susa rappresenta una pura follia.

Su mandato ZERO e TAV

Posted by Nicola Morra on Wednesday, July 24, 2019

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO