M5S, i senatori lasciano l'Aula dopo l'arrivo di Conte: "Non era lui a dover riferire"

I senatori del Movimento 5 Stelle hanno disertato l'aula del Senato nel momento in cui il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte si è presentato per riferire sulla vicenda dei presunti fondi russi alla Lega. All'arrivo di Conte, una parte dei senatori M5S ha direttamente abbandonato l'aula, un altro gruppetto si è spostato sulle tribune in quella che fin dai primi istanti aveva il chiaro aspetto di una protesta.

Neanche dieci minuti dopo l'inizio dell'intervento di Giuseppe Conte, che di fatto ha ribadito di avere la massima fiducia in Matteo Salvini, dal Movimento 5 Stelle è arrivata una nota per spiegare il perchè di quella protesta. E le motivazioni sono un chiaro attacco al leader della Lega:

Ribadiamo il nostro rispetto per il Presidente Conte ma oggi non era lui a doversi presentare nell'Aula del Senato per rispondere all'informativa sul caso Russia-Lega.

Il partito di Luigi Di Maio non sembra aver digerito bene il sì di Giuseppe Conte alla Tav Torino-Lione che ha fatto gongolare Matteo Salvini come mai accaduto dall'insediamento del governo gialloverde ad oggi, al punto da spingere i senatori pentastellati, non è chiaro se in modo indipendente o se guidati proprio dal leader del MoVimento, a puntare il dito contro il Ministro dell'Interno per aver deciso di non rispondere in aula sui presunti legami tra la Lega e la Russia.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO