Standard&Poor’s: Italia a rischio crisi come la Grecia con manovra non ortodossa


L’agenzia di rating internazionale Standard&Poor's si inserisce nel dibattito sulla prossima manovra finanziaria dell’Italia. Per il nostro paese non c'è per ora "uno scenario da crisi del debito pubblico" ma in "uno scenario alternativo in cui i policymaker perseguano soluzioni non ortodosse, come l'introduzione di una valuta parallela o misure di bilancio senza copertura finanziaria per eludere i vincoli fiscali Ue, l'adesione dell'Italia all'area euro potrebbe essere messa in discussione e potrebbe verificarsi una crisi di fiducia come quella greca".

Se la questione dei cosiddetti minibot sembra essere ormai archiviata, di coperta corta o meglio di coperture allo stato inesistenti sulla flat tax promessa da Matteo Salvini ha parlato oggi Luigi Di Maio. Ieri il leader della Lega ha detto chiaramente che se la manovra non conterrà un importante taglio delle tasse Tria "non sarà più il nostro ministro dell’economia" oppure lui non rimarrà "a scaldare la poltrona del ministero” dell’Interno, ventilando nuove elezioni.

Nel suo aggiornamento sull'andamento del rating sovrano (il giudizio del rischio su un emittente di debito pubblico) dei paesi della zona Euro S&P sottolinea come l’Italia sia l’unico paese con prospettive (outlook) negative.

Standard e Poor's rating italia manovra non ortodossa

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO