Un solo bagno per 116 migranti sulla Gregoretti, aperta inchiesta

gregoretti migranti bagno

La Procura di Siracusa ha aperto un fascicolo d’inchiesta, al momento senza indagati, sulla nave della Guardia Costiera Gregoretti, attualmente ormeggiata nel porto di Augusta. L’imbarcazione ha tratto in salvo 116 migranti, di cui un nucleo familiare è stato fatto sbarcare a Catania, mentre lunedì è stato consentito a 16 minori di guadagnare la terra ferma. Il pm Fabio Scavone vuole però vederci chiaro, perché sull’imbarcazione della Guardia Costiera c’è solo un bagno a disposizione e tra i migranti "alcuni lamentano dei fastidi fisici. Dobbiamo accertarne l'entità", fa sapere il pubblico ministero.

L’obiettivo è quello di accertare le condizioni igienico-sanitarie dei migranti a bordo del pattugliatore “bloccato” nel porto di Augusta (Siracusa). Non ci sono al momento indagati, mentre le autorità stanno continuando a lavorare per garantire con gli altri Stati membri la redistribuzione delle persone a bordo della nave, su cui oltre ai medici sono stati ammessi anche i Nas.

Si muove anche il Garante nazionale delle persone private della libertà, Mauro Palma, che con una lettera al comandante della Guardia Costiera, Giovanni Pettorino, chiede lumi in merito alle condizioni dei migranti che si trovano bloccati da cinque giorni a bordo della Gregoretti. Il garante chiede "delucidazioni in relazione alla risposta o meno alla richiesta di un posto sicuro", perché "la situazione delle persone a bordo" può configurarsi "come una privazione de facto della libertà personale".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO