Carabiniere ucciso, Scalfarotto (Pd) fa visita in carcere agli americani arrestati. Salvini: "Non ho parole"


Matteo Salvini attacca il deputato del Pd Ivan Scalfarotto reo di aver fatto visita a Regina Coeli ai due ragazzi americani arrestati per l’omicidio del vicebrigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega, accoltellato undici volte la notte del 26 luglio a Roma.

Scalfarotto si è recato in carcere ieri per "verificare le condizioni" di Finnegan Lee Elder, che ha ammesso di aver materialmente accoltellato il carabiniere, e dell’amico Gabriel Christian Natale-Hjorth.

Quindi il parlamentare dem ha condiviso su Facebook un articolo de La Stampa che riferisce di come Scalfarotto abbia chiesto a Natale-Hjorth, ammanettato e bendato in caserma dopo l’arresto, se fosse stato maltrattato: "Ora va tutto bene, il peggio è passato" avrebbe detto il ragazzo. 

Sulla questione era intervenuto anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ricordando che bendare un soggetto privato della libertà può configurare uno o anche due reati. L’Arma dei carabinieri dal canto suo ha aperto un’indagine interna, trasferendo a mansioni non operative il militare individuato come responsabile della bendatura.

Sempre Salvini nei giorni scorsi a chi si scandalizzava per il trattamento riservato a Natale-Hjorth aveva replicato: "A chi si lamenta della bendatura di un arrestato ricordo che l’unica vittima per cui piangere è un uomo, un figlio, un marito di 35 anni, un carabiniere, un servitore della patria morto in servizio per mano di gente che, se colpevole, merita solo la galera a vita".

Ora dopo la visita di Scalfarotto a Regina Coeli il ministro dell’Interno e vicepremier commenta: "Il Pd va in carcere a verificare che il criminale americano non sia stato maltrattato. Non ho parole!".

scalfarotto fa visita ad americani arrestato omicidio carabiniere dagettyimages-1094432210.jpg

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO