Figlio di Salvini su moto d’acqua della polizia, il ministro al giornalista: "Vai a riprendere i bambini, visto che ti piace"

figlio salvini moto acqua polizia

Matteo Salvini si scaglia contro il giornalista di Repubblica che ha ripreso il figlio sulla moto d’acqua della polizia di Stato scatenando la polemica politica. Un giro per puro divertimento su un mezzo delle forze dell’ordine, guidato da un uomo in divisa.

Salvini ha prima ammesso il suo "errore da papà" poi però ieri in conferenza stampa ha attaccato con parole pesanti Valerio Lo Muzio, autore del video pubblicato in esclusiva su Repubblica.it: "Lei che è specializzato vada a riprendere i bambini, visto che le piace tanto". Quindi Lo Muzio ha chiesto: "Mi sta dando del pedofilo?"

"I figli devono essere tenuti fuori dalla polemica politica, attaccate me, lasciate stare mio figlio" ha proseguito Salvini: "Mi vergogno a nome di chi coinvolge i bambini nella polemica politica. Non parlo di figli e di bambini. Non ho altro da aggiungere".

Salvini non ha risposto al giornalista che voleva sapere chi lo ha "minacciato" riferendosi agli uomini della sicurezza del ministro che lo hanno allontanato due giorni fa mentre girava il video del figlio sulla moto d’acqua della polizia: "Sto facendo una domanda al ministro dell'Interno, voglio sapere chi mi ha minacciato. Non ritiene che vada chiarito?". La replica di Salvini è stata: "Andiamo insieme in pedalò, visto che sei maggiorenne ti posso invitare".

Al giornalista, come raccontato dalle colonne di Repubblica, era stato intimato di spegnere la telecamera da uomini qualificatisi come appartenenti alla "polizia" che dopo aver fotografato il tesserino dell'ordine dei giornalisti e la carta d'identità di Lo Muzio gli hanno detto: "Bene ora sappiamo dove abiti".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO