Rider, il governo annuncia intesa sulle tutele: le novità

Intesa sui ridere di maio conte e salvini

Intesa raggiunta nel governo sulle tutele per i rider, che in Italia sono 10mila. M5s e Lega fanno sapere di aver trovato un accordo. E di questi tempi è già una notizia. La legge "è pronta" e diverrebbe subito operativa entrando in un decreto legge come spiegato dal ministro dello Sviluppo e Lavoro e vicepremier Luigi di Maio. La soluzione prospettata non abolirebbe del tutto il cottimo.

Nel decreto legge confluiranno altre norme, da quelle sulle crisi aziendali e quelle sulle tutele di altre categorie deboli. Era stato lo stesso ministro Di Maio ad annunciare nei giorni scorsi su Facebook che non era più tempo di aspettare per i rider: "Faremo un decreto legge per loro e per tutti i lavoratori che in Italia vengono ancora sfruttati".

In concreto la nuova tutela sui rider prevede che la paga in base alle consegne sia in "misura non prevalente", riconoscendo invece una paga oraria sempre che per ogni ora di lavoro venga accettata "almeno una chiamata".

Le nuove norme pro rider, una battaglia portata avanti dal M5s, dovevano essere inserite già nel decreto Dignità e poi nel decreto Crescita. Ora finalmente l’accordo nella maggioranza sembra essere stato raggiunto, a oltre un anno dall’inizio delle trattative.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO