Elezioni politiche 2019: quando si vota? Ecco le possibili date

Dipende da quando saranno sciolte le Camere.

Quale sarà la data delle elezioni politiche anticipate 2019? Il toto-data è cominciato non appena il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini ha innescato la crisi di governo che, tuttavia, non è ancora ufficialmente cominciata perché prima si deve passare dal Parlamento. Proprio da questo primo step dipenderà poi tutto il resto e di conseguenza anche la data delle elezioni.

Infatti, prima di tutto è necessario che sia votata la sfiducia a Conte, e questo dovrebbe avvenire entro il 20 agosto. La Lega vorrebbe votare già il 13, ma non ha la maggioranza nell'assemblea dei capigruppo che è stata convocata per lunedì 12 agosto e quindi è probabile che il voto slitti alla settimana dopo Ferragosto. In questo modo slitterà anche la data delle elezioni, che dipende formalmente dalla data di scioglimento delle Camere e le Camere saranno sciolte solo dopo che Conte avrà rimesso il mandato e Mattarella, dopo nuove consultazioni (che probabilmente saranno portate avanti molto rapidamente) potrà procedere con lo scioglimento.

Elezioni politiche 2019: si può votare il 13 ottobre?


Elezioni politiche 2019 anticipate quando si vota - Ottobre-novembre

La prima data possibile per le elezioni politiche 2019 è il 13 ottobre, ma affinché si verifichi questa situazione le Camere dovrebbero essere sciolte entro la prossima settimana, quella di Ferragosto. Uno scenario, dunque, che può verificarsi solamente se Conte sarà sfiduciato già prima del 15 come vuole La Lega, altrimenti i tempi si allungheranno.

Elezioni politiche 2019 il 20 ottobre?

La seconda data utile è il 20 ottobre, ma anche in questo caso i tempi stringono, perché le Camere dovrebbero essere sciolte tra i 20 e il 22 agosto. Tra la data dello scioglimento delle Camere e quello delle elezioni, infatti, devono passare un minimo di 45 giorni e un massimo di 70, ma di norma ce ne vogliono almeno 60 per poter svolgere tutte le procedure per consentire di votare agli italiani all'estero.

Elezioni politiche 2019 il 27 ottobre o il 3 novembre?

Molto più probabile che si voti l'ultima settimana di ottobre, il 27, perché in quel caso le Camere devono essere sciolte entro il 27-28 agosto, una data possibile, sempre che Mattarella decida di essere rapido con le consultazioni.

Anche la data del 3 novembre 2019 è molto plausibile per il voto, in quel caso lo scioglimento delle Camere deve avvenire entro il 3 settembre. Ovviamente bisogna tenere conto che più slitta la data delle elezioni, meno possibilità ci sono che la manovra economica venga discussa in Parlamento, poiché deve essere presentata all'UE entro il 31 dicembre. Per non parlare della nota di aggiornamento al DEF (NADEF), che deve essere presentata alle Camere entro il 27 settembre e all'UE entro il 15 ottobre. Impossibile, dunque, che l'Italia quest'anno la presenti.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO