Richard Gere: "Salvini è un baby Trump. Vorrei incontrarlo"

Richard Gere ha approfittato della sua vacanza in Italia per interessarsi alla vicenda della Open Arms e dei migranti costretti a bordo per giorni dalle politiche di Italia e Malta e dalla poca reattività dell'Unione Europea.

Lo scorso 9 agosto l'attore e attivista è salito sulla Open Arms e ha ascoltato le storie dei migranti a bordo, mentre il giorno successivo ha preso parte, insieme a Chef Rubio, alla conferenza stampa che si è tenuta a Lampedusa. Oggi, dalle pagine del Corriere della Sera, Gere è tornato sulla questione, riconoscendo che l'Italia si sente abbandonata dalle istituzioni europee, ma che questa sfida può esser risolta:

È una sfida. Può essere risolta se ci si siede al tavolo e si discute con raziocinio e generosità. Non è un problema soltanto dell’Italia, ma della Spagna, della Grecia, di tutta Europa. L’Occidente ha grandi responsabilità, che affondano anche nel passato, su questa tragedia. Avete sentito il Papa? Non sono numeri ma hanno volti, nomi, storie. Io, le ho ascoltate.

Richard Gere parla con empatia e cognizione di causa e ha voluto rispondere anche al Ministro dell'Interno Matteo Salvini, che lo aveva invitato ad accogliere i migranti a casa sua, come se un privato cittadino fosse paragonabile ad una nazione:

La cosa più importante è essere lì con loro, e di fronte alle emergenze assumere decisioni immediate. Abbiamo avuto difficoltà a trovare un pescatore che ci portasse dove era il barcone, temevano rappresaglie politiche visto il clima ostile che si è creato. Poi un ragazzo coraggioso ci ha aiutati e sono salito a bordo. Sono stato uno di loro.

Visto che i suoi amici della ONG hanno 180 immigrati a bordo, sono sicuro che il generoso milionario li ospiterà tutti nelle sue ville. Sbaglio???

Posted by Matteo Salvini on Saturday, August 10, 2019

Gere ha criticato la politica di Matteo Salvini e invitato il Ministro dell'Interno, sempre più cinico e distaccato, ad ascoltare le storie delle persone a bordo della Open Arms, anziché vederle soltanto come dei numeri:

Se il vostro ministro spendesse del tempo con quelle persone, ascoltasse le loro storie, i loro traumi familiari, cambierebbe la sua visione. Lui fa di un’emergenza umana un caso politico. Ma è cattiva politica. Ho ammirato invece il ministro della Difesa Elisabetta Trenta: lei questo caso non può separarlo dalla sua coscienza.

L'attore e attivista ha riconosciuto le similitudini tra Matteo Salvini e il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump - "Il ministro dell’Interno ha la stessa mentalità del presidente Trump. Infatti io Salvini lo chiamo Baby Trump" - riconoscendo che entrambi utilizzando la stessa ignoranza in senso radicale: "Fanno leva su paura e odio".

Richard Gere si è anche detto pronto ad incontrare Matteo Salvini, certo che sotto sotto non sia davvero come si adopera ogni giorno per apparire:

Sono sicuro che non è come si presenta in pubblico. Avrà una famiglia, figli, genitori. Vede la politica come un pretesto per aumentare il consenso. La vita può essere semplice, se sei onesto e parli con il cuore.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO