Macron sulla crisi italiana: "Sono vicino a Mattarella. L'Italia merita dirigenti all'altezza del suo grande popolo"

"Quando ci si allea con l’estrema destra, è l’estrema destra che vince alla fine".

Emmanuel Macron sulla crisi di governo italiana

Il Presidente della Francia Emmanuel Macron ieri ha tenuto la tradizionale conferenza stampa all'Eliseo che segna la fine dell'estate e la ripresa delle attività di governo. Inevitabili le domande sulla crisi italiana, alle quali il Capo dello Stato francese non si è sottratto, cercando di essere sostanzialmente diplomatico, ma non risparmiando qualche frecciatina, rivolta anche ai suoi stessi avversari politici in patria.

Macron ha prima di tutto manifestato la sua vicinanza al suo omologo italiano Sergio Mattarella, il Presidente della Repubblica che in queste ore è alle prese con le difficili consultazioni a caccia di una nuova maggioranza per creare un nuovo governo:

"Sono vicino al Presidente Mattarella. L’Italia è un paese amico e un grande popolo il cui destino è profondamente europeo"

Poi Macron, senza infierire troppo sul governo gialloverde ormai decaduto, ha detto:

"L’Italia merita dirigenti all’altezza del suo grande popolo"

Lasciando intendere che, a suo parere, il governo uscente non sia stato affatto all'altezza. Ma Macron ha fatto anche una battuta che fa riflettere:

"Quando ci si allea con l’estrema destra, è l’estrema destra che vince alla fine"

Questa frase può essere interpretata in due modi: come una frecciatina al MoVimento 5 Stelle, che, pur essendo il partito di maggioranza e avendo quasi il doppio dei seggi della Lega, alla fine si è fatto sbranare dall'alleato, ma può essere intesa anche come una frecciatina agli stessi partiti francesi che sono tentati da un'alleanza con il Rassemblement National di Marine Le Pen.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO