Governo: ultimo giorno di trattative tra PD e M5S - Zingaretti: "Serve svolta"

governo trattative consultazioni

AGGIORNAMENTO 11:30 - È atteso in queste ore un vertice tra Luigi Di Maio e Nicola Zingaretti. Il segretario del PD ha ribadito proprio in queste ore quale sia la posizione del suo partito. "Voglio difendere l'Italia dai rischi che corre, che vuol dire anche difendere le idee, la dignità i valori e la forza del PD. Bisogna ascoltarsi a vicenda - insiste - , le ragioni degli uni e degli altri e mi auguro che nelle prossime ore ci sia la possibilità di farlo, finora non era avvenuto. Sono e rimango convinto che serva un governo per questo Paese, un governo di svolta". Insomma, l’ipotesi Conte bis non rientra ancora nelle intenzioni del Partito Democratico.

Governo: trattative in corso PD-M5S

Scade oggi il termine dato dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per il raggiungimento di un’intesa sul nuovo governo. Sono ore frenetiche per Partito Democratico e Movimento 5 Stelle che non sono ancora riusciti a trovare un’intesa sul nome del premier. Nicola Zingaretti insiste sulla linea della discontinuità che significa no ad un Conte bis. "Noi siamo pronti a fare la nostra parte per un governo nuovo e di svolta - sottolinea il segretario dem - , anzi la stiamo facendo mettendo a disposizione le nostre idee. Ma occorre un confronto, non siamo disponibili ad essere presi in giro o solo ad accettare diktat o niet via Twitter. Non è cosi che si governa un grande Paese".

Luigi Di Maio, da parte sua, si è allineato al pensiero espresso da Beppe Grillo in un post secondo cui Giuseppe Conte non si tocca. "L'Italia non può aspettare il Pd", ha ribadito ieri il leader pentastellato.

La Lega, che continua a perdere consensi e sperava in un ritorno rapido alle urne, invece, spera sempre che il M5S ci ripensi in modo da formare un secondo governo gialloverde. Si attendono novità importanti dal vertice dei big 5 Stelle e dai tavoli dem cui parteciperanno gli amministratori locali. Attende novità soprattutto il Colle, che in giornata renderà noto il calendario delle consultazioni. In un primo momento si era parlato di un calendario più snello, ma pare che Mattarella sia orientato ad effettuare un secondo giro normale, con gli stessi tempi di quello della settimana scorsa.

Paragone (M5S): "Accordo col PD? Non so se resto"

Il senatore del Movimento 5 Stelle, Gianluigi Paragone, avvisa Luigi Di Maio: in caso di accordo con la Lega rimarrà nel gruppo parlamentare pentastellato, ma se si farà il governo con il PD le cose cambieranno: "Nel caso di accordo con la Lega - dichiara - resto nel gruppo parlamentare M5s. Nel caso di un accordo con il Partito democratico vediamo. Lo voglio vedere questo governo".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO