Consultazioni, Berlusconi: "La destra senza di noi non sarebbe in grado di vincere e governare"

L'incontro di oggi al Quirinale è durato circa 25 minuti.

La delegazione di Forza Italia composta dal leader Silvio Berlusconi e da Annamaria Bernini, Mariastella Gelmini e Antonio Tajani è stata ricevuta dal Presidente della Repubblica per il secondo giro di consultazioni e la posizione di Berlusconi, che ha preso la parola subito dopo l'incontro col Capo dello Stato, non è cambiata rispetto alla settimana scorsa.

Berlusconi e Forza Italia rimangono fedeli alla Lega di Matteo Salvini e chiedono il ritorno alle urne quanto prima:

Abbiamo manifestato al Presidente della Repubblica la necessità, secondo noi, di ridare la parola agli italiani e abbiamo manifestato tutta la nostra preoccupazione per il pericolo scenario che si sta delineando. Secondo noi il governo al quale il Partito Democratico e Movimento 5 Stelle intendono dare vita è una soluzione politicamente sbagliata e inadeguata. L'Italia ha urgentemente bisogno di una svolta liberale e liberista basata sul taglio delle tasse, taglio del cuneo fiscale, privatizzazioni, tutela della famiglia e delle riforma della giustizia.
L'Italia ha bisogno di un governo amico dell'imprese e che possa essere un punto di riferimento per le categorie produttive. I principali nemici da battere sono l'oppressione fiscale e l'oppressione burocratica. Questi obiettivi possono essere realizzati solo da Forza Italia. Noi e soltanto noi in Italia siamo i testimoni e i garanti della tradizione liberale, democratica, cristiana e garantista.
Forza Italia non potrà che essere all'opposizione di questo governo che nasce da una manovra di palazzo. La nostra opposizione sarà ferma e senza compromessi. E la nostra bussola sarà l'interesse della nazione prima ancora che di una parte politica o schieramento.

Berlusconi, che anche stavolta si è limitato a leggere una dichiarazione senza rispondere alle domande dei giornalisti, ha voluto però sottolineare quanto Forza Italia debba essere centrale nella coalizione di centrodestra, mandando un chiaro messaggio a Matteo Salvini, pronto a prendere le redini della coalizione in quanto leader del partito col maggior numero di consensi.

Il leader di Forza Italia ha rimarcato la presenza del partito in Europa e spiegato che il centrodestra voluto da Berlusconi non sarà affatto di matrice sovranista: "Il centrodestra che vogliamo rilanciare sarà europeo, liberale e cristiano e potrà costituire la vera alternativa al governo. Mi auguro che fin dalle prossime elezioni siano gli elettori a ritrovare la consapevolezza del loro vero interesse e dell'interesse vero dell'Italia".

Foto | Quirinale

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO