Istat: Italia a crescita zero nel 2019, salgono i prezzi al consumo

italia crescita zero 2019 Istat

Dopo i dati di stamattina che certificano l’aumento congiunturale della disoccupazione, anche giovanile, l’Istat diffonde la stima sul Prodotto interno lordo (Pil) che nel secondo trimestre dell'anno è rimasto invariato rispetto ai tre mesi precedenti diminuendo invece dello 0,1% su base annuale.

L'Istat conferma quindi la crescita zero in termini congiunturali ma su base tendenziale rileva un'ulteriore diminuzione. In questo quadro la crescita del Pil acquisita per il 2019 - ovvero il dato che uscirebbe se i rimanenti trimestri dell'anno si chiudessero con una variazione nulla - è pari a zero. L’Istat sottolinea come allo stallo dei consumi faccia da contraltare il traino rappresentato dagli investimenti.

Sempre oggi l’Istituto nazionale di statistica ha diffuso le sue stime preliminari sull’inflazione ad agosto 2019: l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività al lordo dei tabacchi, ha fatto segnare un aumento dello 0,5% mensile e dello 0,5% tendenziale.

Secondo i dati provvisori dei prezzi al consumo, ad agosto 2019 sono cresciute sia l’inflazione di fondo, al netto degli energetici e degli alimentari freschi, sia l’infrazione al netto dei soli beni energetici, rispettivamente da +0,5% a +0,6% e da +0,6% a +0,7%.

L’aumento congiunturale dell’indice generale è invece da imputare soprattutto alla crescita dei prezzi dei servizi relativi ai trasporti (+4,5%), ascrivibile a fattori stagionali. Se accelera lievemente per i beni (da -0,1% a +0,1%), l’inflazione rallenta per i servizi (da +1,0% a +0,9%) con il differenziale inflazionistico che resta positivo, pari a +0,8%, dall’1,1% di luglio.

L’inflazione acquisita per il 2019 è pari a +0,9% per l’indice generale e +0,9% per la componente di fondo. In questo quadro i prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona aumentano dell’1% (+0,4% su luglio), mentre quelli dei prodotti ad alta frequenza d’acquisto dello 0,8% (+0,1% del mese precedente): per entrambe le tipologie si tratta di una crescita maggiore di quella dell’intero paniere.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO