Berlusconi batte l'ex moglie anche in Cassazione: Veronica Lario deve restituire l'assegno del divorzio

Il patrimonio lasciato da Silvio a Veronica è sufficiente a farla vivere nell'agiatezza.

Silvio Berlusconi e Veronica Lario divorzio

Nel 2013 il Tribunale di Monza aveva riconosciuto a Veronica Lario, vero nome Miriam Bartolini, ex (seconda) moglie di Silvio Berlusconi, un assegno di divorzio di 1,4 milioni di euro al mese, ma nel novembre del 2017 la Corte d'Appello di Milano aveva azzerato l'assegno. La signora Lario ha allora presentato ricorso in Cassazione sostenendo che, a causa del matrimonio con Berlusconi, ha "rinunciato in giovane età alla carriera di attrice per dedicarsi interamente alla casa, alla famiglia e all'allevamento dei tre figli".

Oggi è arrivata la sentenza della Corte di Cassazione che ha stabilito che la vittoria definitiva è di Berlusconi. Gli ermellini, infatti, hanno respinto il ricorso della signora Lario e hanno invece confermato la sentenza d'appello. Ora dunque l'ex moglie del Presidente di Forza Italia dovrà restituire circa 46 milioni di euro più interessi, per un totale di circa 60 milioni. Lario aveva cominciato a percepire l'assegno da marzo 2014.

Il motivo per cui la Cassazione ha preso questa decisione è che Berlusconi ha lasciato a Veronica Lario un patrimonio tale che le consente di vivere nell'agiatezza anche dopo il divorzio, perciò non c'è alcuna necessità di un assegno di divorzio, tantomeno di quell'entità.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO