Taverna risponde alla Lega: "Senatori M5S non sono in vendita"

La Lega ha già lanciato la sua Opa sul Movimento 5 Stelle in attesa del voto di fiducia per un eventuale Conte Bis. Matteo Salvini ieri ha parlato di "porte aperte" per i delusi del M5S e oggi il suo vicesegretario, Andrea Crippa, ha rivelato di aver già ricevuto diverse chiamate da parte di alcuni senatori dei 5 Stelle, almeno nove, pronti a saltare sul carro leghista negando la fiducia al Governo Conte bis in cambio di un seggio nel prossimo parlamento.

Nel M5S sono diversi i parlamentari arrivati quasi a fine corsa per via della regola dei due mandati, motivo per il quale non è da escludere che qualcuno sia disposto a vendersi alla nuova forza egemone della politica italiana. Senza considerare il possibile interesse anche da parte di qualche senatore e deputato al primo mandato, preoccupato dal calo di consenso del Movimento 5 Stelle che potrebbe comportare l'addio alla sua carriera politica.

Non sappiamo quanto questo scenario sia temuto dalle alte sfere del Movimento 5 Stelle, ma intanto sono arrivate le prime risposte alle dichiarazioni dei leghisti.

La prima a replicare a Crippa è stata Paola Taverna diffondendo una nota molto polemica, con la quale ha comunque escluso la possibilità di cambi di casacca:

"Dopo che il suo leader Matteo Salvini ha fatto cadere il governo Conte tra un mojito e una ballatina con una cubista sulla spiaggia, fuorché poi tornare sui propri passi quando ha capito che non poteva decidere tutto da solo essendo in una Repubblica parlamentare, Crippa si lancia in annunci fantapolitici".

"Il vicesegretario della Lega sarebbe stato addirittura cercato da nove senatori del MoVimento 5 Stelle che, disperati, si sarebbero rivolti a lui per fare cosa? Entrare nella Lega? Forse ha capito male... oggi per cosa si può chiamare la Lega? Forse per avere una mappa dei barman che fanno meglio il mojito? Per avere informazioni su una festa in riva al mare? Per ottenere il contatto di un deejay?".

"Ci dispiace per Crippa e per la Lega che, dopo il disastro estivo di Salvini, ha cercato in tutti i modi di correre ai ripari con proposte vergognose. Stiano tranquilli, il Movimento 5 Stelle è compatto. E sicuramente non è in vendita".

Poco dopo è arrivato il commento anche del capogruppo Stefano Patuanelli, in linea con quello della compagna di partito: "ci fanno ripiombare nella peggiore politica, in cui si promettono poltrone e candidature e si paventano giochini di palazzo sulla pelle degli italiani. D'altronde c'è da aspettarselo da chi ha tradito gli italiani facendo cadere il Governo Conte ed il suo progetto di cambiamento per l'Italia. Al contrario della Lega noi non tradiamo: siamo e saremo compatti, sempre. È per questo che sono terrorizzati dal Movimento 5 Stelle".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO