Sea Watch: "Il cambio di Governo è un passo in avanti"

La novità rappresentata dal Governo Conte bis piace ai mercati ed anche alle ong che pattugliano il mediterraneo. La Sea Watch, adesso, si aspetta un cambio di rotta nella gestione dell'immigrazione: "Non viviamo il cambio di governo come una vittoria ma come un primo, imprescindibile, passo in avanti. Non c'è vittoria finché, mentre commentiamo i cambi di reggenze, le persone continuano a morire annegate davanti ai nostri ombrelloni o vessate in Libia".

E ancora: "Ci auspichiamo un governo con cui si possa semplicemente ragionare, aperto a dialogo e soluzioni durevoli. Un governo orientato a un futuro di integrazione e valorizzazione della diversità, come unica alternativa se di 'futuro' si parla sul serio".

Probabilmente c'è ancora una certa diffidenza visto che le ong non hanno mai promosso la linea dettata a suo tempo da Minniti, che venne ampiamente criticato per gli accordi stretti con le autorità libiche. Inoltre al Governo c'è ancora il Movimento 5 Stelle che ha appoggiato e protetto Salvini, oltre ad aver parlato per lungo tempo di "taxi del mare" riferendosi alle navi impegnate in operazioni di ricerca e soccorso nel mediterraneo.

Senza Salvini al Viminale, le ong adesso sperano in un radicale cambio di approccio: "Ci aspettiamo di non subire mai più bracci di ferro sulla pelle dei naufraghi e di vedere cessare l'accanimento sulle ong come arma di distrazione di massa dai reali problemi del Paese. Ci aspettiamo di abrogare il Decreto Sicurezza e di annullare con effetto immediato le sanzioni e i sequestri che gravano sui comandanti e le navi accusati di costituire una minaccia alla sicurezza".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO