Sottosegretari, lavori ad oltranza per la lista definitiva

Potrebbero giurare già domattina i sottosegretari al nuovo esecutivo di Giuseppe Conte. La squadra si dovuta chiudere già oggi, ma PD e M5S non sono riusciti a trovare un accordo e il Consiglio dei Ministri che si è svolto rapidamente senza toccare l'argomento.

In serata, però, qualcosa si sarebbe mosso al punto che secondo le indiscrezioni si lavorerà per tutta la notte per definire la lista dei sottosegretari e chiudere quanto prima anche questo punto, così da lasciare all'opposizione guidata da Matteo Salvini un argomento in meno su cui attaccare il nuovo esecutivo.

Già oggi, infatti, il leader leghista si era nuovamente appellato al Presidente della Repubblica lamentando i continui litigi tra le due forze al governo.

Sottosegretari, Di Maio ha ancora difficoltà a scegliere. PD: "Noi siamo pronti"

Nomine sottosegretari

La squadra del governo Conte bis non è ancora al completo, ma sia il Premier, sia il Presidente della Repubblica, si sarebbero stancati di aspettare e vorrebbero che la partita fosse chiusa entro oggi. Conte preferirebbe avere la lista completa dei 42 sottosegretari già entro il Consiglio dei Ministri di oggi, fissato per le 15, ma è probabile che tutto slitti a un nuovo Cdm per domani mattina.

Il PD ha detto di essere pronto, invece il MoVimento 5 Stelle ha ancora qualche difficoltà a completare l'elenco. I pentastellati avrebbero 22-23 sottosegretari, ma ci sono ancora dei dubbi su molti nomi. Alcuni ministri del primo governo conte potrebbero tornare nelle vesti di viceministri o sottosegretari: è il caso di Elisabetta Trenta, che potrebbe essere scelta come viceministro all'Interno, e Barbara Lezzi, che potrebbe essere sottosegretario al ministero del Sud. Laura Castelli potrebbe riprendere il suo ruolo al ministero dell'Economia, al quale potrebbe entrare anche Stefano Buffagni.

Tra i nodi più difficili da sciogliere ci sarebbe quello delle deleghe del ministero dello Sviluppo, quelle delle Telecomunicazioni ed Energia. Nel precedente governo Conte, Di Maio le aveva tenute per sé, ora invece dovrebbero essere assegnate una al Pd e una ai pentastellati, anche se questi ultimi le vorrebbero entrambe.

Il M5S sta tenendo una sorta di braccio di ferro anche con Conte per le deleghe della President del Consiglio, perché il Premier vorrebbe tenere quella ai Servizi, mentre il sottosegretario Riccardo Fraccaro dovrebbe tenere quella delle Riforme, anche se qui si inserirebbe anche il PD, o meglio Matteo Renzi, che vorrebbe che la delega alle Riforme fosse assegnata a Roberto Cociancich.

A proposito di PD, tra i sottosegretari potrebbero rivedersi alcuni volti noti come Maurizio Martina, Debora Serracchiani, Marina Sereni, Anna Ascani, Luigi Martin. Anche Leu vorrebbe almeno un paio di incarichi, uno per Rossella Muroni.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO