Migranti, Mattarella: "UE deve occuparsi di redistribuzione e rimpatri"

mattarella migranti

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha incontrato stamane l’omologo tedesco Frank Walter Steinmeier. È stata l’occasione per ribadire la bontà dei rapporti tra i due Paesi: "Le relazioni tra Germania e Italia sono al massimo livello di eccellenza - ha ribadito il capo dello Stato - , sia nell'ambito bilaterale che nell'appartenenza europea". Il colloquio tra i due capi di Stato ha consentito ad entrambi di toccare svariate tematiche e non poteva non essere all’ordine del giorno quella relativa ai flussi migratori. "Di fronte al fenomeno migratorio - ha insistito Mattarella - occorre un meccanismo automatico di redistribuzione all’interno dell’Ue, che deve farsi carico dei rimpatri".

La politica dei porti chiusi ha fallito miseramente, poiché solo tre navi delle Ong sono state realmente bloccate in un anno e mezzo. Inoltre, non si è mai interrotto il flusso continuo di barchini che sono approdati nei porti italiani senza soluzione di continuità praticamente ogni giorno. In sostanza, si bloccava per qualche giorno un’imbarcazione di una ong con un centinaio di migranti a bordo, ma nel frattempo ne arrivavano anche di più tramite una flotta di piccole barche.

Mattarella e i rapporti economici Italia-Germania

Non sono mancati nemmeno i riferimenti all’economia, con Mattarella che ha sottolineato come i rischi di guerre commerciali e la Brexit rendano necessario "stimolare i mercati interni". In merito all’effetto dell’euro, infine, il presidente della Repubblica ha ricordato che la relazione economica tra Italia e Germania sia tale che uno scambio tra Germania e Lombardia sia superiore, ad esempio, a quello tra Germania e Giappone; uno scambio tra Germania e Veneto, invece, è superiore a quello tra Germania e Brasile…

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO