Whirlpool, Ministro Patuanelli interrompe tavolo con azienda: "Chiedete scusa"

Il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli (M5S) ha interrotto il tavolo con Whirlpool, fanno sapere fonti del Mise. Il ministro ha chiesto all'azienda di ritirare la procedura di cessione, chiedendo scusa ai lavoratori e alle istituzioni della Repubblica: una precondizione per iniziare a discutere.

Martedì scorso Whirlpool ha annunciato l'avvio della procedura di cessione del ramo d’azienda, che riguarda la sede napoletana del gruppo, alla Prs con sede a Lugano. Quello di oggi: "Non è stato un incontro costruttivo" hanno riferito dal Mise smentendo le parole dell'amministratore delegato di Whirlpool Emea, Luigi La Morgia, che non aveva parlato di tavolo saltato all’uscita dal ministero.

"Abbiamo avuto un incontro di circa un'ora costruttivo in cui abbiamo ripercorso tutta la storia del sito di Napoli" aveva detto La Morgia secondo cui il ministro: "Ci ha chiesto quale fosse la nostra posizione e noi abbiamo ribadito che oggi l'unica soluzione per salvaguardare i posti di lavoro su Napoli è procedere con la riconversione del sito" confermando i "nostri 250 milioni di investimenti e l'impegno sull'Italia. Abbiamo anche ribadito che per garantire i 410 posti di lavoro a Napoli procederemo con la riconversione del sito".

Ma dal Mise la storia raccontata è un po’ diversa e allo stato non sono stati fissati altri appuntamenti con Patuanelli o le parti sociali, come precisato dallo stesso amministratore delegato di Whirlpool.

Stefano Patuanelli interpone tavolo whirlpool al mise

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO