Renzi: "Italia Viva è il primo partito femminista. Il maschilismo politico italiano è molto resistente"

L'ex Premier punta dritto al voto delle donne.

lega toglie le 80 euro di renzi

Matteo Renzi ha rilasciato un'intervista a Quotidiano.net incentrata su una particolare caratteristica del partito che ha appena fondato, Italia Viva, che si propone di essere il primo partito italiano davvero femminista e non solo per puntare al voto delle donne. L'ex Premier ha detto:

"A livello internazionale il tema della partecipazione delle donne alla politica è molto sentito mentre da noi resta incredibilmente sottovalutato. Il femminismo non fa parte della tradizione da cui provengo, ma la questione ha una primaria importanza"

E ha spiegato qual è secondo lui il motivo:

"Il maschilismo politico italiano è molto resistente. Le donne vengono considerate con condiscendenza o solo per evitare troppe recriminazioni. Incredibile la misoginia che si riversa sulle politiche. Quello che si è detto di Teresa Bellanova: il vestito, la licenza media. Su un uomo che da bracciante arriva a diventare ministro si sarebbe scritta una fiction tv. Per lei il tema è stato l’abito"

E a proposito della ministra Teresa Bellanova, Renzi ha confermato ce è la Presidente di Italia Viva:

"Sì, sarà il nostro leader ma dovrà farà anche il ministro come Elena Bonetti. Tante donne hanno un ruolo di prima linea: Maria Elena Boschi capogruppo alla Camera. Lisa Noja responsabile del Manifesto dei Valori. Maria Chiara Gadda al Piano Verde. Ho sempre garantito il 50/50, da Presidente di Provincia, da Sindaco e da Presidente del Consiglio. Ma insisto: la battaglia è soprattutto culturale e simbolica. Ho in mente un bambino tedesco che in campagna elettorale chiese a sua madre se anche un uomo poteva diventare Cancelliere. Molto ispirante"

Renzi ha detto che tra le donne che lo ispirano c'è prima di tutto sua figlia Ester, che sente molto forte la propria identità femminile e legge storie di donne. Tra i temi più scottanti c'è quello della parità salariale e della maternità, mentre per quanto riguarda l'utero in affitto Renzi si dice radicalmente contrario. Sul femminicidio poi h detto:

"La sensibilità sta cambiando, sono fiducioso. Credo che il più del lavoro vada fatto sull’accompagnamento nell’uscita dalla violenza. Donne 'insospettabili' che restano nell’inferno, intrappolate da paradossali sensi di colpa e di vergogna: bisogna sostenerle perché trovino il coraggio che manca. Lucia Annibali ci darà una grande mano"

Sull'elettorato femminile Renzi commenta:

"Posso dire che è la prima volta che un partito mette al centro la partecipazione delle donne. E a 360°. Su ogni questione istituiremo una ‘diarchia’ per liberarci dai pregiudizi"

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO