Berlusconi: "Fascisti e leghisti in Parlamento grazie a noi"

berlusconi forza italia lega fascisti

È un Silvio Berlusconi scatenato quello che è intervenuto oggi a Milano in occasione di un evento di Forza Italia. L’europarlamentare ha toccato vari temi dell’attualità politica, lasciandosi andare anche ad espressioni destinate a suscitare polemiche. Al centro di nuove inchieste giudiziarie, Berlusconi ha sottolineato ancora una volta quali siano i valori del proprio partito, distinguendosi marcatamente dagli estremisti e dai sovranisti.

"La nostra collocazione e il nostro ruolo sono chiarissimi. Restiamo alternativi alla sinistra, alleati, ma ben distinti dalla destra sovranista. E bando agli equivoci, perché chi non crede in questo non fa parte di Forza Italia. Lega e fascisti - ammette - li abbiamo fatti entrare noi al governo, li abbiamo legittimati noi, li abbiamo costituzionalizzati noi. Siamo alleati ma ben diversi dalla destra. Qualcuno dice che la Lega ci sta svuotando ma non e' vero. Siamo ancora nel centrodestra, di cui siamo il cuore, il cervello e la spina dorsale".

Decretando la fine del sovranismo a livello nazionale e continentale, il leader forzista poi spiega per quali motivi sia nata l’alleanza tra movimento 5 Stelle e Partito Democratico.

"Il sovranismo è una bufala da mettere da parte, è un'idea stupida e stupidi sono quelli che ci credono. Con il sovranismo faremo la fine della Le Pen in Francia, che ha tanti voti ma non può governare. Il PD è un partito giustizialista - prosegue - , il Movimento 5 Stelle oltre ad essere giustizialista è anche manettaro. Siamo inconciliabili con loro. Il M5S è il partito dello sciopero. Ieri hanno fatto scioperare i loro figli anche in un giorno di scuola. Ma tanto non sappiamo nemmeno se i loro figli ci vanno a scuola, mentre quelli del Pd li mandano all'università delle Frattocchie. Siamo gli unici a non aver governato con i pentastellati".

Berlusconi: "PD e M5S? Un patto per le manette"

Sulla giustizia, uno dei temi da sempre molto cari al “cavaliere”, Berlusconi poi aggiunge:

"Ieri hanno iniziato a confrontarsi il premier Conte con il ministro Bonafede e Orlando del Pd. Loro non faranno una riforma, ma un patto per le manette"

Quanto alla posizione di Forza Italia nei confronti dell’Europa, pur ammettendo la volontà di cambiarla (in passato Berlusconi è stato molto duro con l’UE), l’europarlamentare sottolinea che non se ne possa fare a meno. Non poteva mancare nemmeno un accenno all’economia e alle possibili nuove tasse che il governo giallorosso starebbe per varare

"Noi vecchietti. ci mettiamo un po' a capire come si usano queste carte. Vogliamo la libertà di pagare come vogliamo. Perché noi paghiamo, i Cinquestelle non si sa. Renzi? Non è mio figlio politico - ha insistito - e i moderati non lo votano. Ha la responsabilità di aver fatto nascere un altro governo guidato dai 5 stelle".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO