Draghi: "Governi spendano di più, serve Unione più forte"

draghi governi bce

Mario Draghi, presidente della Bce, ha rilasciato un’intervista all’edizione online del Financial Times sottolineando che "è più urgente di prima" l’aumento della spesa da parte dei singoli Paesi dell’Eurozona affinché si faccia fronte al rallentamento globale dell’economia. Inoltre, aggiunge Draghi, è necessario un impegno a lungo termine per l’unione di bilancio, un passo necessario per competere ad armi pari con le altre potenze globali.

"Alla luce della debolezza dei singoli Stati nel contesto di un mondo globalizzato - prosegue il capo della Bce - , quello che conta è rendere l'Unione più forte". L’obiettivo è quello di rafforzare l’Unione economica e monetaria e a tal scopo, insiste Draghi, "abbiamo bisogno di un bilancio comune dell'Eurozona. Certo il dibattito politico sarà ancora lungo, ma sono ottimista".

Draghi: "I nemici dell'euro non hanno vinto"

L’ottimismo di Draghi deriva dalle ultime tornate elettorali, con sovranisti ed euroscettici in calo rispetto a quelle precedenti. "La gente ha capito i benefici della moneta unica, la fiducia sta crescendo. I nemici dell'euro non hanno vinto", prosegue il capo della Banca Centrale Europea, il cui mandato volge al termine. Dopo aver sottolineato le "le conseguenze positive" degli ultimi interventi varati dalla Bce per aiutare i risparmiatori e il comparto immobiliare, Draghi conclude che "interventi a livello di governi potrebbero aiutare molto ad alleggerire il peso che sta portando la Bce. Gli stimoli straordinari potrebbero dover durare a lungo se non saranno sostenuti dalle politiche di bilancio".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO