Di Maio accelera sul voto ai 16enni (e frena sul Crocifisso a scuola)


Il leader dei 5 Stelle Luigi Di Maio accelera sull’idea di portare al voto i sedicenni, proposta lanciata quasi come una provocazione dall’ex premier Enrico Letta e colta al balzo dal ministro degli Esteri. "Il voto ai sedicenni si farà, nei prossimi giorni presenteremo la proposta di legge costituzionale" scrive Di Maio sul suo profilo Facebook.

Il capo politico del Movimento spiega che abbassare l’età anagrafica del diritto di voto "è una nostra vecchia battaglia" anche se in certi casi "si è innescato il solito meccanismo dei grandi che dicono ai giovani che non possono farlo. Sosteniamo l'educazione civica nelle scuole per permettere a tutti di formarsi una coscienza".

E a proposito di scuola, il Movimento frena il ministro dell’Istruzione, il pentastellato Lorenzo Fioramonti, che vorrebbe togliere il Crocifisso dalle aule, posizione che ha già suscitato la dura reprimenda al diretto interessato da parte della Chiesa.

"Togliere il Crocefisso dalle scuole non è un tema all'ordine del giorno per il M5S. Messa in sicurezza degli istituti, aumento degli stipendi d'insegnanti e personale sono le priorità" spiegano fonti 5S.

"Il Crocefisso in aula è un tema divisivo. Meglio appendere alla parete una cartina del mondo" aveva detto il ministro. Dura la replica di Monsignor Giovanni d’Ercole, segretario della Cei per la cultura e le comunicazioni sociali: "Sarebbe meglio tacere perché chi parla così ha una ignoranza culturale di fondo, frutto di improvvisazione". In serata anche i vertici del M5S hanno sconfessato Fioramonti.

Luigi Di Maio accelera si voto ai 16enni

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO