Renzi scrive al Corriere: "Impensabile tagliare il cuneo aumentando l'Iva"

Matteo Renzi ha deciso di scrivere una lettera al Corriere della Sera per rendere pubblico il dibattito interno al Governo, che sta cercando soluzioni per arrivare a tagliare il cuneo fiscale. Sul tavolo c'è anche l'ipotesi di tagliare l'Iva su alcuni prodotti e di alzarla su altri, in modo da avere così delle risorse a disposizione per andare a sforbiciare il cuneo fiscale. L'idea è complessa e il Governo è al lavoro per capire la fattibilità di questa operazione ed anche per valutare l'impatto che avrebbe.

Nelle intenzioni si vorrebbe tagliare l'Iva sui beni di prima necessità per aumentarla su alcuni beni di lusso, ma Renzi non ci sta. Nella sua lettera inviata al Corriere ha nuovamente tirato in ballo la sua avventura di Governo, rivendicando i suoi risultati:

"Caro Direttore, diminuire le tasse sul lavoro è la priorità ribadita a parole da tutti i leader politici e da tutti i commentatori economici. Tutti possono permettersi di dire che va abbassato il cuneo fiscale. Ma pochi, pochissimi, possono dire di averlo fatto davvero. Perché con le parole sono bravi tutti, ma quando si tratta di passare ai fatti le cose cambiano. Il governo che ho avuto l’onore di presiedere costituisce una felice eccezione. Nel triennio 2015-2017, figlio delle nostre leggi di bilancio 2014-2016, la riduzione del cuneo è stata di oltre 22 miliardi di euro l’anno comprensiva dell’operazione 80 euro, dell’Irap costo del lavoro e della decontribuzione prevista dal Jobs act. Ventidue miliardi, non spiccioli. E non è un caso se le recenti revisioni dell’Istat dimostrano come questo triennio sia quello con i risultati più positivi per la nostra economia dall’avvento della zona euro. Se abbassi davvero le tasse agli imprenditori, questi assumono. Se metti davvero soldi in tasca al ceto medio basso, questo spende. Il triennio 2015-2017 dimostra che sì, si può fare. Ma non è pensabile che per diminuire il cuneo si voglia aumentare l’Iva. Aumentare l’Iva per 7 miliardi in cambio di una riduzione del cuneo fiscale per 2.5 miliardi di euro non è un affare: è un autogol. E bene hanno fatto i nostri rappresentanti a opporsi con tutte le loro forze".

Renzi sta evidentemente cercando di approfittare di questa fase di studio sulla manovra a scopi elettorali, gettando le basi per intestarsi qualche aspetto positivo della futura legge di bilancio. Solo così si spiega il fatto che l'ex Premier senta l'esigenza di rendere pubbliche le elucubrazioni di un Governo che, nei fatti, non ha ancora preso alcuna decisione, ma sta studiando delle possibili soluzioni. Un Governo, nel quale, ci sono anche i suoi rappresentanti che sono liberi di sostenere le tesi del suo neonato partito, anche arrivando a minacciare eventualmente una crisi.

Renzi, insomma, con una mano partecipa al dibattito interno e con l'altra prova a smarcarsi dallo stesso Governo che sostiene. Per esempio, Renzi non spiega a chiare lettere che il suo taglio del cuneo fiscale ha anche portato alla crescita delle clausole di salvaguardia che adesso pesano sulla legge finanziaria che questo Governo dovrà andare ad approvare, riducendo di molto i margini di manovra. Rivendicare dei risultati ottenuti senza spiegare come ci si è arrivati e quali sono state le conseguenze, non è molto corretto.

Renzi, comunque, è legittimamente contrario a qualsiasi aumento dell'Iva ed ha segnalato altre priorità: "La prima battaglia di Italia viva è stata contro l’aumento dell’Iva. Ed è stata una battaglia vinta grazie all’ottimo lavoro di Teresa Bellanova e Luigi Marattin e al supporto di molte associazioni di categoria. Aumentare l’Iva oggi sarebbe stata una follia, sia sul piano politico regalando un immeritato assist al senatore Salvini, sia sul piano economico colpendo i consumi. L’esperienza del governo guidato dall’onorevole Letta ricorda a tutti noi come aumentare l’Iva in un momento di stagnazione economica indebolisca profondamente i consumi: era l’ottobre del 2013 quando l’esecutivo decise l’ultimo aumento. E per mesi l’Italia ne ha pagato le conseguenze. Diverso è un ragionamento sul breve medio periodo, che Italia viva propone a tutti gli alleati di governo e proporrà con maggiore chiarezza alla prossima Leopolda di metà ottobre. Noi vogliamo ritornare a crescere dopo la devastante fase negativa del governo populista. E per farlo pensiamo che la vera priorità sia sbloccare il pacchetto da 36 miliardi di euro di investimenti pubblici tenuto fermo dai lacci della burocrazia e dell’inconcludenza politica. Ma vogliamo e dobbiamo incidere anche sul piano della spesa individuando due grandi priorità sulle quali lavorare".

Renzi ha poi parlato della spesa per beni e servizi a carico dello Stato, aumentata negli ultimi anni. Per l'ex Premier è qui che il Governo dovrebbe ricavare le risorse per tagliare il cuneo: "La prima è la spesa per beni e servizi. Stupisce che non ne parli nessuno. Nel triennio del nostro governo, lo stanziamento per beni e servizi si è attestato tra i 134 e 136 miliardi di euro. Nei tre anni successivi la voce di spesa per beni e servizi schizza rispettivamente a 140, 146, 150 miliardi di euro. L’aumento della spesa per beni e servizi da quando noi abbiamo lasciato Palazzo Chigi è ingiustificabile anche alla luce dell’ottimo lavoro fatto dall’onorevole Gutgeld: perché nessuno si domanda come mai la spesa per beni e servizi sia cresciuta di quasi un punto percentuale di Pil? Se tornassimo a spendere per beni e servizi quello che spendevamo con il nostro governo avremmo magicamente servita sul piatto una cifra per il cuneo fiscale degna di questo nome. Non gli spiccioli proposti quest’anno". La proposta, in questo caso, è interessante, ma Renzi si è guardato bene dal citare quali spese tagliare.

Il capo di Italia Viva, infine, ha indicato anche una seconda strada per acquisire risorse, passando attraverso una rimodulazione del debito pubblico alla luce dei nuovi tassi d'interesse: "La seconda riguarda gli interessi sul debito. Dopo la tempesta salviniana l’Italia ha bisogno di quiete, di una pax romana che metta in sicurezza un Paese oberato da un debito monstre. Oggi gli interessi sul debito sono bassi, molto bassi. Ma nel resto d’Europa sono addirittura negativi. Il che costituisce una ghiotta occasione. Va rimodulato il debito, non le aliquote Iva. E rimodulare il nostro debito significa cogliere l’occasione dei tassi bassi per allungare la scadenza spendendo meno e mettendo in sicurezza il Paese per un paio di decenni. È un’occasione che capita adesso e che non ricapiterà a lungo. Conoscendo l’intelligenza e la sensibilità del ministro Gualtieri sono certo che saprà cogliere al volo questa occasione, non solo per risparmiare ogni anno almeno mezzo punto di Pil ma anche per dare tranquillità a tutte le istituzioni del Paese. Italia viva propone soluzioni serie, non pasticci o giochi delle tre carte. Perché, caro direttore, questi temi non vanno di moda e tutti giocano a chi la spara più grossa, ma la vera rivoluzione è spendere meno in beni e servizi, è rimodulare il debito, è abbassare davvero le tasse. Noi che lo abbiamo fatto in passato siamo pronti a dare il nostro contributo. Senza ansia di visibilità, ma pronti al confronto con tutti in sede accademica, mediatica, culturale. E soprattutto in sede politica. Perché per sconfiggere il populismo, ci vuole la politica. Non gli slogan o i giochi delle tre carte".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO