Trieste, Rubio punta il dito contro lo Stato. Salvini: "Stupido", Meloni: "Miserabile"

Rita Dalla Chiesa gli dice di vergognarsi, ma sull'omicidio di suo padre diceva la stessa cosa che oggi dice il cuoco.

Chef Rubio lancia l'hashtag Sfotti Salvini

Il noto cuoco tv Chef Rubio, che spesso su Twitter commenta fatti politici e di cronaca, nelle ultime ore è entrato tra i trend topic per alcuni tweet scritti sulla tragedia di Trieste, che è costata la vita a due giovani poliziotti.

In particolare, Rubio ha scritto:

"Inammissibile che un ladro riesca a disarmare un agente. Le colpe di questa ennesima tragedia evitabile risiedon nei vertici di un sistema stantio che manda a morire giovani impreparati fisicamente e psicologicamente. Io non mi sento sicuro in mano vostra"

Quando ha visto che arrivavano soprattutto commenti negativi nei suoi confronti, ha aggiunto:

"Er Paese de Purcinella, dello sticazzi tanto non me succede, del se poi però succede se po solo piagne ma guai a te se provi a’ annà alla fonte dei problemi pe’ risolverli. Fottuta italica mentalità. Continuate cosi da bravi a lamentavve, piagne che domani se ricomincia uguale"

Stamattina è tornato sull'argomento e ha spiegato:

"Ditemi se è normale che due fermati senza manette possano fare sto macello? E se nel conflitto a fuoco fosse morto un civile? Vostro figlio? Un vostro caro? Voi? Quando scrivo tragedia è ovvio che dispiace, piccoli analfabeti funzionali"

Ha poi condiviso un post di Giancarlo Palombi che sottolinea come "chi ha la divisa deve essere aiutato da vivo, non commiserato da morto". Rubio ha aggiunto ancora:

"Per servire il Paese (i cittadini, no i coglioni che vi mandano a morire), bisogna essere dei virtuosi, viverla come missione e non come lavoro, essere impeccabili, colti, preparati fisicamente e mentalmente così da gestire qualsiasi imprevisto. I colpevoli sono sopra non sotto"

Rimarcando così che secondo lui la colpa non è dei poliziotti, ma di chi è sopra di loro, a partire dai politici. Ha anche fatto notare che Libero e il Giornale, quotidiani di destra che lo odiano, in realtà dicono la stessa cosa, ossia che quello dei poliziotti uccisi nella Questura di Trieste è stato "quasi un omicidio di Stato" perché gli agenti erano equipaggiati male e la pistola era facile da sfilare dalla fondina.

Ovviamente sono arrivate subito le reazioni dei politici più a destra. Matteo Salvini ha scritto, condividendo il post di Rubio:

"A volte è meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio. Non sei uno 'chef', sei uno stupido"

E anche Giorgia Meloni è intervenuta, condividendo il post di Rubio con sopra la scritta "Miserabile" e scrivendo:

"Odio dover dare spazio a questo individuo in cerca di visibilità, ma questa volta è davvero troppo. Insulta la Polizia nel giorno in cui vengono uccisi due agenti: e questo miserabile ce lo ritroviamo in televisione. Insultano le divise quando muoiono, le insultano quando si difendono, le insultano quando lavorano per la sicurezza di tutti noi. E nessun politico o giornalista di sinistra che spenda mezza parola per condannare parole agghiaccianti come queste. Le condividono?"

Rubio poi ha risposto a Meloni scrivendo:

"Non ho insultato la Polizia di Stato ma voi nullafacenti che li mettete e ci mettete in pericolo. Miserabile cmq Giorgia Meloni non si dice a chi esprime un parere che tu e i tuoi sostenitori, evidentemente analfabeti funzionali, non comprendete. Fai la brava e lavora"

Tra coloro che hanno risposto c'è anche la conduttrice tv Rita Dalla Chiesa:

"Allora, adesso basta con questa storia della mancanza di preparazione dei nostri ragazzi delle #Forze Dell’Ordine. Rubio, se mai ti capiterà di essere minacciato pesantemente da qualcuno, difenditi da solo, visto che di loro non ti fidi. Vergognati per la tua immensa pochezza"

Su Rita Dalla Chiesa c'è da fare un piccolo appunto, perché spesso anche lei ha accusato lo Stato di aver avuto un ruolo nell'omicidio di suo padre per mano della mafia, dicendo che era stato lasciato solo. Ricordiamo che suo padre era il Generale Carlo Alberto dalla Chiesa.

Minaccia a Rubio

Tra i commenti su Facebook è arrivato anche uno firmato da Gianluca Demenego, il fratello di uno dei due poliziotti uccisi, Matteo Demenego, il quale, evidentemente in preda a rabbia e dolore, ha minacciato lo chef scrivendo:

"Chef Rubio sono il fratello del poliziotto impreparato! Be' tieni sempre la guardia alta quando giri perché se colgo impreparato pure te fai la fine di mio fratello! Uomo di merda! Ti auguro di perdere un tuo caro! A presto!"

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO