Governo, Speranza e Zingaretti: abolire superticket sanità. Di Maio: basta annunci prima i fatti

roberto speranza abolizione superticket

La sinistra al governo vuole l’abolizione del super ticket sanitario, ben noto a chi almeno una volta ha dovuto ricorrere a prestazioni specialistiche e diagnostiche: "Ogni volta che un cittadino non accede alla sanità per ragioni di natura economica siamo di fronte a una sconfitta dello Stato" dice il ministro della Salute Roberto Speranza dalla colonne di Repubblica.

Secondo il ministro il super ticket è discriminatorio perché aumenta le diseguaglianze sia "tra i territori" sia "nei territori". Gli fa eco il numero uno del Partito Democratico Nicola Zingaretti che parimenti chiede l’abolizione del ticket maggiorato: "È ora di dare una mano a chi ha più bisogno di aiuto" scrive sui social il presidente della Regione Lazio per poi aggiungere "abbiamo iniziato ad abbassare le tasse sul lavoro per aumentare gli stipendi".

Sulla materia interviene anche il ministro degli Esteri Luigi Di Maio che però frena: "Stamattina, come troppe volte, apro i giornali e leggo troppi annunci. Questo non può essere il governo in cui leggiamo interviste che annunciano".

Il capo politico del M5s replica così ai giornalisti che gli chiedono se Italia Viva di Matteo Renzi, con la sua richiesta di trasferire le risorse del cuneo fiscale alle famiglie, e il ministro Speranza, siano più spine nel fianco che fonte di stabilità per l’esecutivo: "Non possiamo pensare che i cittadini siano bombardati da annunci: prima facciamo e poi diciamo" dice Di Maio che in questa sua seconda esperienza di governo dimostra di aver appreso dagli errori della prima, almeno dal punto di vista della comunicazione.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO