Boldrini: "Incontrerei Grillo per fare insieme qualcosa che renda la Rete più sicura per i nostri figli"

L'ex Presidente della Camera è stata spesso vittima di insulti da parte dei "leoni da tastiera".

Laura Boldrini ospite di Fabio Fazio a Che Tempo che fa

L'onorevole Laura Boldrini questa sera è stata ospite di Fabio Fazio su Raitre per parlare del libro "La grande nemica - Il caso Boldrini" di Flavio Alivernini, che fa nomi e cognomi di tutti coloro che negli ultimi anni hanno offeso l'ex Presidente della Camera.

Boldrini ha voluto fare una piccola premessa:

"Prima di tutto vorrei dire che sono indignata per quanto successo a Trieste e vorrei esprimere la mia solidarietà alle famiglie degli agenti"

E a proposito di indignazione, Boldrini ha detto:

"L'indignazione a volte serve, basti pensare ai ragazzi che scendono in piazza per il clima ogni venerdì. Greta Thunberg ha fatto un miracolo secondo me. Noi dobbiamo ascoltare le nostre richieste. Nella manovra adesso ci sarà un decreto per le misure da prendere sul cambiamento climatico, il Green New Deal avrà una durata di tre anni. Penso che il governo abbia capito che non si può più rimandare"

Ha parlato anche di Beppe Grillo e ha detto:

"Non l'ho mai incontrato, ma lo incontrerei per fare chiarezza e anche per chiedergli cosa possiamo fare insieme, qualcosa di buono, per fare in modo che la Rete sia un posto sicuro per i nostri figli. Io non serbo rancore e ho le spalle larghe, per me sono preoccupata fino a un certo punto, sono preoccupata per i ragazzi che non hanno gli stessi strumenti, ricordiamo che ci sono ragazzi che si tolgono la vita perché non riescono a sopportare le offese online"

Quando Fazio le ha chiesto se crede in questo governo Conte 2, Boldrini ha risposto:

"Io ho il dovere di credere, può e deve fare cose buone, deve fare in modo che la vita delle persone cambi in meglio, che le persone possano essere un po' più contente della propria esistenza. Una persona è contenta quando i figli non respirano aria tossica, se ha un lavoro dignitoso e può mantenere la famiglia, se sa che i propri genitori anziani saranno accuditi"

Il conduttore le ha anche chiesto, visto che è entrata nel PD, che ruolo potrà avere in questo partito così complesso e lei ha risposto:

"Io ho deciso di entrare nel gruppo parlamentare del PD e di rispondere all'appello del segretario. Io sono una figura indipendente, lo sono sempre stata. Penso che sia doveroso unire le forze contro la destra, costruire una forza popolare e progressista. Penso che si possa fare un buon lavoro aprendo a quei mondi che non si sentono più rappresentati"

Boldrini è promotrice della legge sullo Ius Culturae, ma alcuni sostengono che contrasti con la richiesta di maggior sicurezza. Su questo tema l'onorevole ha risposto:

"Non c'entra niente la sicurezza, qui parliamo di bambini figli di immigrati regolari, che pagano le tasse in questo Paese. Purtroppo ci sono partiti come la Lega e Fratelli d'Italia che strumentalizzano le immagini dei migranti che arrivano con i barconi. Cosa è meglio: emarginarli o farli sentire inclusi? Essendo nati e avendo studiato nel nostro Paese non ci sono differenze con i nostri figli"

E poi sul tema dell'immigrazione ha aggiunto:

"L'Italia non è più sola in Europa, prima Salvini si alleava con amici sbagliati, che non aiutavano. La politica dell'immigrazione non è solo tenere le barche in mare come faceva lui, è molto più complesso. C'è da rivedere il regolamento di Dublino e rivedere anche la legge Bossi-Fini. È una materia che va governata con attenzione"

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO