Taglio dei parlamentari, Di Maio: "Chi non vota sceglie le poltrone". Polemica per le assenze di Giorgia Meloni

Sul Blog delle Stelle si sottolinea il fatto che Giorgia Meloni abbia il 74,91% di assenze.

Lunedì 7 ottobre 2019 è il giorno del voto finale sul taglio dei parlamentari. Una legge a cui il MoVimento 5 Stelle tiene moltissimo e dunque il suo leader, Luigi Di Maio, non poteva non parlarne alla vigilia. Oggi, intervistato dai giornalisti, ha detto:

"Per il taglio dei parlamentari non mi aspetto solo un voto di maggioranza, ma un voto trasversale del Parlamento. Leggo di alcune forze politiche che vorrebbero assentarsi, di parlamentari di opposizione che non vorrebbero venire in Aula. Vorrà dire che gli manderemo una piccola poltrona a casa per ricordargli che in un momento storico hanno scelto le poltrone al cambiamento"

E proprio le assenze sono stato un argomento molto dibattuto oggi, perché il M5S ha pubblicato sul proprio blog un post con in apertura l'immagine che vedete qui sotto e in cui si sottolinea come la legge sul taglio dei parlamentari sia importante anche perché in Parlamento è pieno di deputati e senatori che si assentano troppo.

Parlamentari assenteisti

Vengono ripresi i dati di OpenParlamento da cui emerge che i tre più assenteisti sono: Michela Vittoria Brambilla, deputata di Forza Italia, con il 98.21% assenze, ossia ha partecipato solo a 78 votazioni su 4.353; Antonio Agelucci, anch'egli di Forza Italia, con il 91.43% di assenze, che ha saltato 3.980 votazioni su 4.353; poi ancora un altro deputato eletto con Forza Italia, ma di recente passato al Gruppo Misto, ossia Vittorio Sgarbi, con solo il 24,54% di presenze.

Nel post, però, si fa notare:

"Ai vertici della classifica dei deputati più assenteisti ci sono anche nomi 'insospettabili', come quello di Giorgia Meloni. La leader di Fratelli d’Italia è molto presente sui social e sulla stampa, ma dovrebbe spiegare ai suoi elettori come mai con il 74.91% di assenze alla Camera ha saltato ben 3.260 votazioni su 4.352! Quello dell’assenteismo è un vero e proprio vizio per la Meloni, che non è un’assidua frequentatrice nemmeno del Campidoglio: 17% di presenze nel 2018, mentre con un magro 10%, nell’anno in corso la leader di Fratelli d’Italia è stata vista, per ora, 3 volte. Questi campioni di assenteismo avranno il coraggio di votare insieme a noi per il taglio dei Parlamentari?"

La replica di Giorgia Meloni non si è fatta attendere:

"Secondo voi, perché in vista del voto sul taglio dei parlamentari il Movimento Cinquestelle si mette ad attaccare frontalmente, proprio su questo, l'unico partito (Fratelli d'Italia) che ha votato la proposta dall'inizio pur essendo all'opposizione? Sono cretini o cercano di affossare la legge? E se non sono cretini, perché la vogliono affossare? Forse, come spesso accade con i grillini, dicono una cosa per prendere i voti ma poi lavorano sottobanco per farne un'altra? Se il Pd, Leu e Italia viva fanno mancare i numeri, faranno cadere il governo?"

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO