Turchia, Erdogan minaccia l'UE: "Vi invieremo 3.6 milioni di migranti"

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan non ha nessuna intenzione di accettare le critiche che stanno arrivando dalla comunità internazionale in modo unanime dopo l'avvio dell'offensiva nel nord della Siria e oggi ha deciso di minacciare apertamente l'Unione Europea.

Un avvertimento che non lascia spazio ad interpretazioni:

Ehi Ue, sveglia. Ve lo ridico: se tentate di presentare la nostra operazione lì come un'invasione, apriremo le porte e vi invieremo 3,6 milioni di migranti.

Nel suo intervento odierno al Parlamento di Ankara, Erdogan ha portato avanti la propria propaganda a supporto dell'offensiva spiegando che in queste prime ore di azione militare sarebbero già stati uccisi 109 terroristi. Il Presidente turco, però, si è ben guardato dall'affrontare le denunce che arrivano da fonti curde, secondo le quali i bombardamenti potrebbero facilitare la fuga degli oltre 12mila combattenti dell'ISIS, tra i quali almeno 4mila foreign fighter, detenuti nella zona nord della Siria obiettivo dell'offensiva turca.

La conferma è arrivata questa mattina da Dalbr Jomma Issa, la comandante dell'Unità di Protezione delle Donne (YPJ) che controlla ancora gran parte della regione autonoma siriana del Rojava, intervenuta in una conferenza stampa alla Camera dei Deputati:

In tante città ci sono cellule dormienti che ora, nel caos, iniziano a muoversi. Non è possibile che la Turchia si occupi di tutti i prigionieri dell'Isis perché Erdogan li ha sempre appoggiati. Al Baghdadi vive ancora e dà ordini ai suoi miliziani.

Trump ad Erdogan: "Rispettate le regole o sarete colpiti"

Dell’offensiva turca contro i curdi presenti nel nord della Siria è tornato a parlare anche il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump. Tramite alcuni tweet, l’inquilino della Casa Bianca ha ribadito che non ci siano soldati USA nella zona degli attacchi, ma è comunque molto attento a ciò che sta accadendo. "Seguo la situazione da vicino - ribadisce il presidente degli Stati Uniti tramite Twitter -. E se non agirà secondo le regole, la Turchia sarà colpita molto duramente finanziariamente e con sanzioni".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO