Salvini: "Vinciamo in Umbria, Emilia e Calabria, poi torniamo al governo"

salvini poteri roma

Matteo Salvini è pronto per la manifestazione contro il governo in programma sabato prossimo. Il centrodestra unito - anche se in realtà Forza Italia non è stata nemmeno invitata e invierà spontaneamente una delegazione - manifesterà nella capitale contro l’esecutivo giallorosso: "So che siamo gli unici matti che riempiranno la piazza più grande della Capitale, mentre gli altri si rifugiano in salette e teatrini", dichiara il leader della Lega in un’intervista rilasciata oggi a Il Messaggero.

Salvini parla senza mezzi termini di governo dell’inciucio, non votato da nessuno. Esattamente, però, come nessuno aveva votato per un governo Lega-M5S: "La gente ha chiesto alla Lega di dare un segnale contro il governo truffa e contro l’accozzaglia delle dieci sinistre, ed eccoci qua", aggiunge il leader del Carroccio, "non so se sarà una spallata, ma riempiremo le piazze". Ripesando all’anno e mezzo circa di governo gialloverde, Salvini ammette di essere stato per certi versi ingenuo nei confronti dei “centri di potere romani”.

"Se avessi conosciuto meglio Roma, e i suoi centri di potere, da cui mi sento estraneo, mi sarei mosso meglio. Evitavo certe ingenuità. Ma rifarei tutto. Ora - insiste - si tratta di ripartire, e lo stiamo facendo benissimo. Vinciamo in Umbria, poi in Emilia Romagna e poi in Calabria".

Salvini: "Non manca molto alla caduta del Conte 2"

Sicuro che non manchi molto "alla caduta del governo Conte 2", l’ex ministro dell’Interno è pronto a rilanciare le autonomie appena tornerà a guidare il Paese “con pieni poteri”:

"Dal Nord al Centro e al Sud, l’autonomia fa bene a tutti. Quando torneremo al governo, ripartirà il progetto per dare l’autonomia alle regioni che la chiedono, così come prevede la Costituzione, ma sul ruolo di Roma dobbiamo ragionare meglio e lo faremo. Intanto, mandiamo via la Raggi".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO