Brunetta: "Un Salvini inclusivo è musica per le mie orecchie"

Renato Brunetta audizioni su manovra e ricorso a Mattarella

Dopo aver disertato la manifestazione di sabato scorso a Piazza San Giovanni per non ritrovarsi accanto a CasaPound, Brunetta oggi è tornato a spendere parole di elogio per Matteo Salvini, nel quale vede "un leader inclusivo".

L'imbarazzo per la presenza dei neofascisti, ai quali Salvini aveva virtualmente "aperto la piazza" come a tutti "gli italiani di buona volontà", sembra proprio passato all'ex Ministro per la pubblica amministrazione. Per Brunetta, Salvini è improvvisamente diventato un'altra persona sotto qualsiasi punto di vista: "Quella di Salvini, oggi, è musica per le mie orecchie: dice di volere una coalizione ampia, inclusiva, con le componenti liberale, laica, socialista. E questo significa che è definitivamente tramontata la Lega sovranista estremista, anti-Euro, quella dei Borghi e Bagnai, quella contro la von der Leyen, quella dell'uomo solo al comando, dei pieni poteri".

Con Salvini alla guida, il centrodestra è pronto a tornare al passato rispolverando antichi schemi politici: "Un progetto, quello di una coalizione ampia e inclusiva, che è sempre stato il mio, il nostro di Forza Italia e di Berlusconi sin dal '94: perché è chiaro che un centrodestra che veda un uomo solo al comando, in Italia, non vincerebbe mai, al massimo avrebbe lo stesso destino della Le Pen in Francia. Il centrodestra vince come rassemblement di forze diverse (e mi fa piacere che anche Giorgia Meloni sia di questo avviso), mentre il listone unico non è roba per gli italiani, non vincerebbe mai".

Brunetta si sente totalmente a proprio agio in questo centrodestra: "L'appello di Renzi a Forza Italia? Lascia il tempo che trova".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO