Salvini: "Io incontravo le forze dell’ordine, il nuovo ministro le ONG. Prima si vota meglio è"


Matteo Salvini, forte del trionfo elettorale in Umbria (vittoria storica del centrodestra dopo 50 anni e Lega al 38%) prosegue con quella che La Stampa definisce "la strategia del pitone": martellamento continuo contro il governo fino alle elezioni prossime venture.

Ieri dagli studi di Porta a Porta Salvini, riferendosi al governo giallorosso, ha detto di non credere "che Mattarella avesse questo in mente, quando ha dato il mandato: chiedeva un governo serio, stabile e coeso. Gli italiani non meritano di restare ostaggio di una maggioranza che si scanna ogni giorno".

Stamattina il leader della Lega con un tweet rimarca la differenza tra il "suo" Viminale e quello targato Lamorgese: "Ieri sera ho ribadito a Vespa che l'agricoltore, il metalmeccanico, lo studente scelgono Lega perché in poco più di un anno di governo abbiamo mostrato che volere è potere: io al Ministero incontravo le Forze dell'Ordine, il nuovo ministro incontra le Ong. Questa è la differenza" su cui poggia buona parte della fortuna elettorale del Carroccio.

Salvini è poi tornato all’attacco del premier Giuseppe Conte per la vicenda della consulenza legale per un fondo d’investimento legato al Vaticano, ora finito al centro di un’inchiesta. Conte "dovrebbe sentire l'esigenza di correre in Parlamento e dire che il Financial Times mente e che non ha fatto l'avvocato di se stesso, ma di tutti. Le ombre ormai sono tante".

Il leader leghista torna a ripetere che "con questa Manovra si stanno inventando tasse su tutto. C'è un Paese bloccato. Prima si vota meglio è". Salvini dice anche che i tempi sono maturi per un cambio di governo nella capitale.

Lui ha già in mente qualche nome ma per ora non intende svelarlo. A Rtl 102.5 spiega: "La Raggi prima va a casa, meglio è per tutti. Per fare il sindaco di Roma in maniera più efficace rispetto sia a Marino che alla Raggi qualche idea in mente ce l'ho, ma non posso fare nomi, perché non sarebbe rispettoso nei confronti dei romani. Prima li aspetto a firmare per mandare a casa la Raggi e poi ricostruiamo questa splendida città che è non gestita, sporca, caotica come non l'ho vista mai" è l’avviso di sfratto alla giunta pentastellata.

Matteo Salvini prima si vota meglio è

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO