M5S a Renzi: "Se Conte è in discussione, la legislatura non ha futuro". Salvini: "Renzi ha la faccia come il retro"

Attacchi a Renzi trasversali, da Calenda a Gelmini.

Il M5S difende Giuseppe Conte da attacchi di Renzi

Il MoVimento 5 Stelle ha replicato all'intervista rilasciata da Matteo Renzi al Messaggero, nel corso della quale ha fatto capire che Giuseppe Conte non deve stare poi così sereno e che il governo giallorosso potrebbe avere un futuro anche senza di lui. Secondo i pentastellati, invece, non è affatto così e senza Conte la legislatura finirebbe, quindi si tornerebbe al voto.

Sul Blog delle Stelle è stato infatti pubblicato un post in cui si fa chiaro riferimento a Renzi, pur senza nominarlo:

"La lealtà deve continuare a essere il punto fondante dell’azione politica di questo governo, anche attraverso un confronto franco e acceso, ma che si basi sui temi e non sui giochi di palazzo.
Ogni tanto ci ritroviamo a leggere interviste o retroscena che trasmettono agli italiani un messaggio ambiguo. Che ricorda tanto la Prima Repubblica.
I giochini di palazzo, appartenenti alla vecchia politica, non possono appartenere a questo governo. E se qualcuno ha strane intenzioni deve sapere che non avrà mai il supporto del MoVimento.
Lo vogliamo direi chiaramente: non esiste futuro per questa legislatura se qualcuno prova a mettere in discussione il presidente Conte con giochini di palazzo, immaginando scenari futuri decisamente fantasiosi. Lo stesso vale anche se si continua a indebolire quest’Esecutivo attraverso messaggi che fanno male al Paese e che lo mettono continuamente in fibrillazione"

Il post, intitolato "C'è futuro se si ascoltano i cittadini" comincia parlando della legge di bilancio e riassumendo gli obiettivi raggiunti dal M5S, e si conclude facendo di nuovo riferimento alla manovra:

"Il governo è forte se lavora unito e compatto. E tutti dobbiamo lavorare seguendo la stessa strada, perché non esistono scorciatoie
L’accordo sulla legge di bilancio è stato raggiunto da tutte le forze politiche di maggioranza. Ora andiamo a meta e miglioriamo la qualità della vita degli italiani"

Immediate sono arrivate le reazioni anche di altri esponenti politici. Carlo Calenda, che è europarlamentare eletto con Siamo Europei alleato con il PD, e che dal Partito Democratico è fuoriuscito appena è stata portata a termine la trattative per il governo giallorosso, in questi giorni ha come principale nemico proprio Renzi e quando oggi l'ex Premier ha pubblicato su Twitter uno stralcio dell'intervista, quella in cui diceva che il governo è nato "in emergenza per rispondere allo strappo leghista", Calenda gli ha risposto:

"1) destra dopo due mesi è più forte di sempre; 2) l’IVA (come sempre accaduto) l’avrebbe levata qualsiasi Gov; 3) passi le tue giornate a sparare sul Gov. che hai promosso; 4) se lo avessi fatto per la salvezza del paese non avresti fatto la scissione dopo giuramento ministri"

Anche Mariastella Gelmini, capogruppo alla Camera di Forza Italia, è intervenuta in questa diatriba e ha detto:

"Le parole di Renzi sulla nascita del governo conte bis sono molto gravi. Definire un'operazione di 'igiene istituzionale' quella che è stata una manovra trasformistica di palazzo per impedire ai cittadini di esprimersi in libere elezioni, è un'offesa agli italiani e alla democrazia"

Ma il più diretto di tutti è come sempre Matteo Salvini, che in una diretta Facebook ha detto:

"Il signor Renzi ha la faccia come il retro, per essere eleganti. Ha fatto nascere il governo per paura delle elezioni adesso attacca il governo e dice che sono sbagliate le tasse. Amico mio, sei tu al governo, è il governo più di sinistra della storia. Pulcinella era più serio. Onore a Pulcinella e ad Arlecchino. Mettono una tassa di notte, poi si svegliano di giorno e attaccano. Caro Renzi, i cittadini non hanno l'anello al naso: questi al governo sono falsi, ipocriti e incapaci"

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO