Francesca Pascale si scaglia contro Salvini e avvia un'associazione Lgbtq

La fidanzata di Berlusconi a difesa delle famiglie arcobaleno.

Francesca Pascale con Silvio Berlusconi

Il giorno della manifestazione del centrodestra in Piazza San Giovanni a Roma, tra i numerosi assenti dell'area di Forza Italia c'era anche Francesca Pascale, la fidanzata di Silvio Berlusconi. Proprio quel giorno la 35enne compagna dell'ex Premier ha deciso di lanciare il suo profilo Instagram con una foto di se stessa seduta su una panchina arcobaleno e un messaggio ben chiaro: "Questo è il mese delle famiglie... Di tutte le famiglie", usando come hashtag i vari #loveislove #rainbow #gaylib #arcigay #uguaglianza #francescapascale #icoloridellaliberta.

Ora lo ha spiegato anche al Fatto Quotidiano, in una intervista, dicendo che "combattere a favore dei diritti Lgbtq va a tutela anche della mia persona: e se domani io scegliessi di vivere in una famiglia arcobaleno? Perché dovrei vivere in uno Stato che mi odia a prescindere?". In passato su Francesca Pascale sono state fatte diverse insinuazioni, tra cui quella che fosse lesbica. Su questo tema lei ha detto: "Non mi sono mai sentita offesa – ha risposto – semmai violata nella privacy" e ha spiegato di aver subito più discriminazioni per l'amore "non convenzionale" con un uomo che è più grande di lei di 49 anni, Berlusconi, appunto.

Pascale ha aggiunto:

"Non ho mai usato paletti per definirmi, non ho mai usato paletti per definirmi, non ho mai detto né di essere eterosessuale né gay. Nelle amicizie come nell’amore non seguo stereotipi"

Per questo ora è pronta a lanciare una associazione che si occupi della difesa dei diritti Lgbtq e in particolare a sostegno delle famiglie arcobaleno. Una posizione lontana anni luce da quella degli alleati del suo compagno, ossia Matteo Salvini e Giorgia Meloni, che, nonostante una vita privata che non rientra propriamente nei canoni delle famiglie cattoliche, predicano sempre per famiglie con "una mamma e un papà".

Ma del resto Francesca Pascale non ha mai nascosto di non avere una particolare simpatia per Salvini, anzi, in passato lo ha addirittura definito "il male". Lei stessa ha spiegato la sua assenza dalla manifestazione di Piazza San Giovanni dicendo: "Non condivido il sovranismo, aborro gli estremismi" e aveva anche detto a Berlusconi:

"Mi preoccupa che nel 2019 ci sia ancora da combattere per affermare i diritti e libertà di ciascuno, compresa quella di vivere senza pregiudizi il proprio orientamento sessuale"

Rispetto alla ragazza che dieci anni fa si è messa con Berlusconi, da sempre il suo idolo, Francesca Pascale sta dimostrando ora di essere una donna adulta, capace di ragionare non per partito preso, ma seguendo solo la propria coscienza, anche se questo la porta ad allontanarsi dalle posizioni sostenute dagli alleati del suo compagno.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO