Gentiloni: "L'Italia ha ancora bisogno di disciplina di bilancio, mi spiace ma è così"

Paolo Gentiloni italia vincoli di bilancio ue

Chi pensava che un commissario all’Economia italiano sarebbe stato meno inflessibile con i conti del Belpaese sbagliava: "L'Italia ha bisogno ancora di disciplina di bilancio, mi spiace ma è così".

Lo ha detto Paolo Gentiloni, commissario designato agli Affari economici dell’Unione europea, durante la registrazione di Porta a Porta (in onda domani sera). Secondo l’ex premier: "Chi ha spazi di bilancio deve usarli per la crescita, non usarli significa non avere quel minimo di coordinamento di politica di bilancio in Europa".

Politica di bilancio che in ogni caso "deve essere più espansiva di quanto non lo sia stata finora" aggiunge Gentiloni "perché la crescita europea sta rallentando".

L’Europa secondo il commissario italiano deve "avere politiche di bilancio più decise, non possiamo andare avanti chiedendo solo alla Banca Centrale di correggere problemi. I Paesi indebitati devono essere sempre molto prudenti ma quelli con debito basso devono fare investimenti".

Quello che di sicuro non deve cambiare e non cambierà in Europa è la moneta unica, con l’Euro che è "ormai considerato dal 74% dei cittadini europei un fatto positivo e irreversibile". Il vero problema - sottolinea Gentiloni - è semmai un altro e cioè avere "una moneta unica, una banca unica e 19 politiche di bilancio diverse".

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO