Beppe Sala: “Ricandidarmi a sindaco di Milano? Ipotesi molto solida"

Salvini: “Troveremo una alternativa valida”.

Beppe Sala è stato oggi tra gli ospiti del Linkiesta Festival a Milano e ha parlato della possibilità di ricandidarsi nel 2021 per un secondo mandato da sindaco:

“Francamente non so cosa farò, per fare politica ci sono tanti modi. Credo che ricandidarmi a Milano possa essere un'ipotesi molto solida”

E ha aggiunto.

“Devo capire come relazionarmi: vorrei vicino a me persone nuove e giovani con una visione e che si affianchino a persone esperte. Non lo rendo esplicito ma ci sto lavorando per capire se ci sono giovani milanesi in grado”

Tuttavia Salvini ha fatto capire di non avere intenzione di fare il sindaco, infatti, dopo aver detto che se Sala si ricandiderà lui troverà una valida alternativa come avversario, Salvini ha poi risposto a chi gli ha chiesto se sarebbe stato proprio l’avversario:

“No, io sono testardo e voglio finire i lavori che ho cominciato e quindi appena questo governo cadrà e non penso che manchi tanto, ci proporremo agli italiani per tornare a governare questo Paese”

Sulla possibilità di avere come avversario Matteo Salvini ha detto che “sarebbe una sfida molto affascinante”. Invece, sull’eventualità di restare in politica, ma a livello nazionale, Sala ha detto:

“Se esco dai confini milanesi il mio profilo è ancora accettabile o è lontano dalle mie capacità? Uno non può immaginarsi leader se ha una piattaforma di idee diverse e un gruppo in grado di lavorare con lui per pensare di fare questo salto. Il potere per il potere a me non interessa. Non vado a buttarmi in una realtà in cui so di non poter dare”

Il sindaco ha parlato anche di Matteo Renzi, anch’egli ospite a Linkiesta Festival:

“Con Matteo Renzi ho un rapporto tribolato ma lo stimo per le sue capacità. Si arrabbia quando gli dico che è un solista ma anche il Pd non è che gli abbia steso tappeti rossi. Renzi è tutto meno che uno da buttar via nello scenario politico italiano. Italia Viva e i 5 Stelle tirano ogni giorno una bordata al Pd: non va bene, non si può essere sempre responsabili”

E Renzi gli ha risposto poco dopo:

“Sala dice che non sono un uomo squadra. Dico a Beppe, mandandogli un abbraccio, che quando c'era da fare gol per Expo il pallone l'ho passato, così per le elezioni amministrative e, anche in un ruolo minore, per vincere Olimpiadi. Il compito del centravanti è buttare la palla dentro, e siccome c'è da buttare la palla dentro alle amministrative del 2021, noi continueremo a giocare di squadra, a dargli palloni, sperando che Beppe la butti dentro”

Facendo capire che sosterrà la ricandidatura di Sala nel 2021.

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO