Cucchi, Salvini: "Caso testimonia che la droga fa male"

Matteo Salvini accordo di malta fregatura

"Se qualcuno lo ha fatto è giusto che paghi, sono vicinissimo alla famiglia e ho invitato la sorella al Viminale, questo testimonia che la droga fa male sempre e comunque". Questo è stato il commento a caldo di Matteo Salvini alla notizia della condanna a 12 anni dei carabinieri Alessio Di Bernardo e Raffaele D'Alessandro per l'assassinio di Stefano Cucchi.

Oggi lo Stato, quello che rispetta i suoi cittadini, ha vinto. Per Salvini, però, non è ancora arrivato il tempo di chiedere scusa alla famiglia Cucchi dopo aver ripetuto per anni che lui era sempre e comunque dalla parte delle forze dell'ordine e che Ilaria Cucchi si sarebbe dovuta "vergognare" per aver denunciato l'omertà all'interno dell'Arma, che ha caratterizzato e condizionato tutta questa vicenda.

Sul punto Salvini ha cercato di sviare l'attenzione: "Non posso chiedere scusa per eventuali errori altrui. Devo chiedere scusa anche per il buco dell'ozono?". E poi: "Per quel che mi riguarda, come senatore e come padre, combatterò la droga, posso dirlo?", aggiunge ancora. "Se qualcuno ha sbagliato paga; in divisa e non in divisa. Punto. Fatemi aggiungere: io sono contro lo spaccio di droga sempre e comunque".

Insomma, per Salvini in questa vicenda il problema è la droga. Tutto chiaro, no?

  • shares
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO